Archivio mensile:luglio 2013

Vangelo della domenica (28-07-2013)

XVIIa DOMENICA TEMPO ORDINARIO:  COSI’ PREGA IL DISCEPOLO DI GESU’

XVII dom to annocLa preghiera, in ogni religione, è dialogo con Dio. Ma mettere l’uomo in dialogo con Dio può essere anche un rischio. Nella preghiera, l’uomo può snaturare Dio e anche se stesso. Può ridurre Dio a un suo bene di consumo, ad un servo sempre a disposizione, a un facile rimedio alle proprie incapacità e alle proprie pigrizie.. E può ridurre se stesso ad un essere che scarica su un altro le proprie responsabilità.
La preghiera pone un uomo libero, vero, di fronte ad un Dio libero, vero: “Vedi come ardisco parlare al mio Signore, io che sono polvere e cenere” (1a lettura).. Per il popolo di Israele la preghiera è strettamente legata alla fede: una risposta libera a Dio che si rivela e parla, un dialogo, un’azione di grazie per i grandi eventi che Dio compie per il suo popolo. La preghiera, perciò, è più risposta che domanda. Continua a leggere

Attualità (28-07-2013)

VOLONTARIATO E ISTITUZIONI

Fatti e situazioni verificatesi recentemente sul nostro territorio spingono a porci alcune domande sulla identità e il ruolo del volontariato e il suo rapporto con le istituzioni pubbliche.
In una società progredita, come crede di essere la nostra, nella quale gran parte dei servizi sono garantiti dalle istituzioni pubbliche, le quali si avvalgono anche della collaborazione di organizzazioni di cittadini, come confraternite, cooperative, associazioni, fondazioni, le quali spesso per garantire la continuità, la qualità e la professionalità del servizio debbono fornirsi di una struttura operativa con dipendenti e collaboratori stipendiati. E’ quello che viene chiamato “terzo settore”, o “no profit”, nel senso che le organizzazioni non traggono dalle attività profitti da spartire tra i soci. Queste organizzazioni operano nei servizi, ma non in maniera totalmente gratuita. Continua a leggere

Avvisi (28-07-2013)

                                        AVVISI PER LA SETTIMANA

Martedì 30, a Massarosa, ore 21.15:incontro sulla Parola di Dio.
Mercoledì 31, ore 18.30 a Piano del Quercione: s. messa.

                                    INIZIATIVE CULTURALI ALLA PIEVE

Sono iniziate a Pieve a Elici la consuete manifestazioni culturali dell’estate.
Venerdì 26 luglio alle ore 21.15, nell’ambito della rassegna “Ritrovare la belle4zza” un serata su Mario Tobino, con la presentazione di un video “I dimenticati”.
Domenica 28, alle ore 21.15, nell’ambito del Festival di musica da camera, Enrico Pace si esibirà al pianoforte con musiche diBeethoven, Schuman, Debussy, Hindemith.

Vangelo della domenica (21-07-2013)

XVIa  DOMENICA  TEMPO  ORDINARIO:
              CASA CRISTIANA  CASA OSPITALEmarta e maria           

In tutte le antiche civiltà l’ospitalità è sacra. Israele ne fa una lettura di fede: lo straniero è un memoriale vivente, gli ricorda che un tempo fu straniero schiavo in Egitto, che fu pellegrino nel deserto e che è di passaggio sulla terra.
Nel racconto di Abramo (1a lettura) lo straniero è l’”altro” che rimanda a quell’”Altro” per eccellenza che è Dio, che visita l’uomo e sconvolge la sua vita.
Nel vangelo Gesù ci appare come ospite, accolto da amici di lunga data come Maria e Marta. Gesù non si comporta come un ospite ordinario. Egli esige attenzione all’essenziale del suo messaggio e della sua persona. Accogliere Gesù è soprattutto ascoltarlo, mettersi in atteggiamento di accoglienza, più che di dare. E’ ascoltando che si entra in comunione con lui e si è trasformati (Maria). Chi si preoccupa più delle cose da dare (Marta) rimane estraneo. Continua a leggere

Attualità (21-07-2013)

CHIESA E IMMIGRAZIONE

ll viaggio di Papa Francesco a Lampedusa ha riportato alla luce un fenomeno che rischiava di passare in secondo ordine, anche a causa delle diverse posizioni politiche: l’immigrazione.
E’ un tema che ha riguardato anche la comunità di Massarosa, con confronti tra posizioni differenti. Dichiarazioni a dir poco becere, di esponenti di rilievo delle nostre istituzioni, verso cittadini italiani ma di razza e di provenienza diversa, fanno vedere come il tema è della massima importanza.
La questione non è solo di carattere culturale e politico, ma, come ha ben messo in evidenza Papa Francesco, per il credente, riguarda anche la fede. Continua a leggere

Avvisi (21-07-2013)

AVVISI PER LA SETTIMANA

Martedì 23, a Massarosa, ore 21.15:incontro sulla Parola di Dio.
Mercoledì 24, ore 18.30 a Piano del Quercione: s. messa..
Venerdì 26: vigilia della festa di s. Pantaleone: ore 21.00: s. messa a Casella
(Pieve a Elici).

Vangelo della domenica (14-07-2013)

XVa DOMENICA TEMPO ORDINARIO:
CHI AMA I FRATELLI RIVELA DIO

XV dom annocCristo si comporta con l’umanità come il samaritano del vangelo verso lo sconosciuto: come il buon pastore viene a salvare le pecore spogliate, battute e messe a morte, come il figlio del padrone della vigna si presenta dopo i profeti mandati invano, così il samaritano arriva dopo i sacerdoti e i leviti che non hanno voluto o potuto salvare l’uomo ferito. E’ riflessa qui la storia della salvezza in cui Gesù viene sotto l’aspetto di un samaritano disprezzato, rivela ciò che le altre tecniche della salvezza hanno fallito. In Cristo Dio si è avvicinato all’uomo con una figura semplice ed umana. Il Dio che ora conosciamo non è troppo alto né troppo lontano da noi e la sua legge è molto vicina a noi; è nella nostra bocca e nel nostro cuore perché la mettiamo in pratica (1a lettura) Solo facendo quello che anche Cristo ha fatto incontriamo veramente Dio. Continua a leggere

Attualità (14-07-2013)

  PACE E GIUSTIZIA NEL MONDO

Dopo aver affrontato nelle settimane scorse, a partire dalla “Pacem in terris”, i temi della pace e della giustizia in ambito sociale e familiare, ora li prendiamo in considerazione in ambito universale.
La globalizzazione ci mette sempre più di fronte all’esigenza di un bene comune universale, cioè di tutti gli esseri umani che vivono sulla terra, perché ognuno di essi è persona, soggetto, come ognuno di noi, di diritti e di doveri. La situazione mondiale, invece, è impostata su disuguaglianze e ingiustizie, di cui vediamo spesso alla televisione le conseguenze in moltitudini di persone che non hanno acqua, cibo, medicine, istruzione… La missione di Yalgo, in Burkina Faso, con cui la nostra Unità pastorale è collegata, ne è un chiaro esempio. Quasi mai però i grandi mezzi di comunicazione ci dicono le cause di queste situazioni, che sono la nostra mancanza di solidarietà e lo sfruttamento da parte dei paesi ricchi delle loro risorse. Continua a leggere

Avvisi (14-07-2013)

UN MESSAGGIO DA ENZO

“Caro Bruno ormai sono alla fine della mia esperienza africana e devo dire che ho ricevuto molto più di ciò che ho dato: Il dono più prezioso per loro è stato il motocoltivatore. Dopo le abbondanti piogge il barrage è colmo e tutti seminano. Abbiamo arato e seminato due campi di arachidi, uno di fagioli e tre grandi risaie. Questa sarebbe parrocchia ideale per te. La settimana prossima avrò tante cose da raccontarti. A presto. Enzo”.

PER I RESTAURI DELLA CHIESA

Si sono raccolti:
Euro 260.00 domenica 7 luglio
125.00 offerte personali
42.052,40 raccolte in precedenza
42.437 40 Totale
Al programma dei lavori si è aggiunta la necessità di rifare gli impianti di riscaldamento e di illuminazione. E’ stato sostituito un trave portante del tetto in fondo alla navata centrale .

Vangelo della domenica (7-07-2013)

 XIVa DOMENICA TEMPO ORDINARIO:

 I DISCEPOLI MESSAGGERI DELLA SALVEZZA

XIV domto annoc L’annunciatore del Vangelo è sempre contrastato da forze demoniache, “è come agnello in mezzo ai lupi”: non c’è missione senza persecuzione, senza sofferenza, senza croce. La croce è la “gloria” del missionario e di ogni cristiano (2a lettura) perché lo pone in una esistenza nuova. La croce “per il regno di Dio”, accettata con amore, è il “segno” che il male e la morte sono vinti. Per il cristiano la certezza della sua risurrezione sta nel fatto che egli è crocifisso dalla prova e dalla contestazione, spesso provenienti anche dal suo ambiente. La prova non è per S. Paolo solo un’ascesi, un’occasione di vita morale o una semplice imitazione della croce di Gesù, ma è il luogo della speranza e della profezia del regno che i messaggeri del vangelo proclamano  con la parola e con la vita per confermare che il mondo nuovo è già iniziato. Continua a leggere