Archivio mensile:agosto 2013

Vangelo della domenica (1-09-2013)

XXIIa DOM. DEL TEMPO ORDINARIO:  LA SCELTA DELL’ULTIMO POSTO

Solo Dio conosce nel segreto ogni cuore e può rivelargli il mistero di verità che porta in se stesso. Quando l’uomo comincia a riconoscere i limiti della propria ricerca, l’incertezza o l’insicurezza delle proprie conclusioni, l’insuccesso delle sue fatiche, è disposto a ricevere la sapienza di Dio. Il suo insegnamento è nuovo e sconvolgente. Un capo dei farisei invita Gesù ed egli accetta di partecipare ad uno di quei banchetti in cui i saggi del tempo si radunano per conversazioni brillanti sopra una virtù o un personaggio del passato. L’obiettivo non è apprendere cose nuove, ma esibire la propria conoscenza e la propria sapienza di fronte agli altri. Ma Gesù non sta al gioco e denuncia la regola dell’arrivismo e dell’interesse, parlando di virtù sconosciute: l’umiltà che sceglie l’ultimo posto, l’amore gratuito che sceglie gli ultimi. Cristo ci insegna che la vittoria coincide con l’apparente sconfitta, e la sua forza è in ciò che gli altri considerano una debolezza. Continua a leggere

Attualità (1-09-2013)

PER UNA COMUNITA’  TUTTA EVANGELIZZATA ED EVANGELIZZANTE

Nelle giornate di sabato 17 e domenica 18 agosto a Casoli di Camaiore si è svolto il programmato incontro per catechisti di studio e preghiera sul tema della evangelizzazione, aperto anche alla libera partecipazione di chiunque fosse interessato ad una generale riflessione sull’ ”essere comunità” che tutta insieme annuncia la Parola e rende vivo il Vangelo.
Le due giornate hanno costituito una opportunità di conoscenza reciproca ed una occasione di approfondimento e riflessione, a partire dal vissuto di ciascuno, riguardo i temi portati all’attenzione dalla lettura della lettera della CEI alle comunità nel 40° del Documento di Base (DB) “Il rinnovamento della Catechesi”. Continua a leggere

Avvisi (1-09-2013)

CONVOCAZIONE  DELL’UNITA’ PASTORALE

Il documento che precede è stato preparato da un gruppo di partecipanti all’incontro di Casoli.
Per discutere di questi temi e per elaborare un progetto di cammino che coinvolga tutta l’unità pastorale, in analogia alla convocazione diocesana del 1 settembre, si terrà domenica 22 settembre, la Convocazione dell’unità pastorale, con questo programma:
Ore 9-9.30: arrivo al Parco degli Sterpeti. Si suggerisce di formare dei gruppi in un punto stabilito che si avvicinano al luogo di ritrovo come in pellegrinaggio, pregando e cantando;
Ore 9.30: Preghiera iniziale.
Ore 10.00: Assemblea: si farà una breve relazione e poi ognuno potrà fare brevi interventi di proposta;
Ore 11.30: S. messa.
Ore 13: pranzo: i donatori offrono un primo (offerta minima 5 euro per i lavori della chiesa); secondo, dolce e bevande “porta e condividi”.

N:B: In tutta l’unità pastorale si celebrerà unicamente la messa prefestiva, sabato 21, alle ore 18 a Massarosa e quella di domenica 22 alle 11.30 al Parco degli Sterpeti. Continua a leggere

Vangelo della domenica (25-08-2013)

XXIa DOM. DEL TEMPO ORDINARIO:  LA PORTA STRETTA DEL DONO                                                                                                   DELLA VITA

Quando qualcuno ci ama veramente e profondamente, scopriamo noi stessi e non ci sentiamo più soli. La vittoria sulla solitudine genera la gioia, allora vivere è una festa. Il regno di Dio è comunione, per questo il suo avvento inaugura un tempio di gioia. Ad esso tutti gli uomini sono invitati.
Il popolo di Israele credeva di essere privilegiato, ma il profeta gli dice che il privilegio non è né incondizionato né esclusivo. Gli uomini sono di fronte a Dio come un’unica famiglia. Dall’incontro con lui non è escluso nessun popolo, nessun uomo. Continua a leggere

Attualità (25-08-2013)

LO “STILE” DELL’ANNUNCIO DEL VANGELO

Il 17 e 18 agosto si è tenuta a Casoli di Camaiore una “due giorni” di preghiera, riflessione e confronto sul tema dell’annuncio del vangelo nel nostro tempo e nel territorio della nostra unità pastorale. Scopo dell’incontro, più volte annunciato e approfondito nei fogli settimanali era quello di studiare come fare dell’annuncio e della testimonianza della Parola di Dio, a livello personale. Familiare e comunitario, il centro dell’azione pastorale della nostra comunità come vuole il Concilio , le numerose indicazioni del Papa e dei vescovi e del nostro in particolare. Continua a leggere

Avvisi (25-08-2013)

CONVOCAZIONE DIOCESANA E DELL’UNITA’ PASTORALE

L’arcivescovo di Lucca, Mons. Italo Castellani convoca tutta la diocesi domenica 1 settembre, alle ore 17.00, nella cattedrale di S. Martino, per presentare la sua lettera rivolta a tutti: “Ascolta, rispondi… per la vita”.
La partecipazione all’incontro è segno dell’unità della nostra chiesa intorno al suo vescovo e della disponibilità e seguire le sue linee pastorali..
In analogia e in continuità con la convocazione diocesana, si terrà, come annunciato sopra, domenica 22 settembre, a Massarosa, dalle ore 9.00 fino al pranzo compreso, una Convocazione dell’unità pastorale, con un programma che sarà comunicato per tempo. Continua a leggere

Vangelo della domenica (18-08-2013)

XXa DOM. DEL TEMPO ORDINARIO:  IL VANGELO SEGNO DI DIVISIONE

Bisogna riconoscere con realismo che credere è rischioso, perché significa diventare segno di contraddizione, cioè essere in controtendenza rispetto al pensiero dominante, così da condizionare anche i rapporti interpersonali. Geremia, il profeta perseguitato è sempre stato visto come una prefigurazione di Gesù. E’ stato, scomodo e coerente fino alla fine, pienamente inserito nel suo tempo, per porgere la parola di Dio in relazione alle situazioni politiche e sociali del suo tempo. Chi crede non fugge dal mondo, ma vi si inserisce pienamente per offrire il servizio della testimonianza, costi quel che costi. Continua a leggere

Attualità (18-08-2013)

IL GRANDE COMPITO: PURIFICARE IL NOME DI DIO

 Dio: “Quale altra parola del linguaggio umano fu così maltrattata, macchiata e deturpata? Tutto il sangue innocente, che venne versato in suo nome, le ha tolto il suo splendore. Tutte le ingiustizie che fu costretta a coprire hanno offuscato la sua chiarezza. Qualche volta sentire nominare l’Altissimo col nome di “Dio” mi sembra un’imprecazione”. Questo brano, tratto da un bel racconto di M. Buber, descrive con particolare efficacia la necessità per i cristiani e le loro comunità di assolvere a quel “grande compito dell’ora presente”, di cui parlava Benedetto XVI°: “mettere di nuovo in luce la priorità di Dio nel moderno mondo secolarizzato, procedendo al discernimento di ciò che vi è di buono e giusto nella cultura moderna e di quanto nella formulazione della nostra fede appartiene al nucleo essenziale del Vangelo o è un semplice risvolto culturale da lasciar cadere, discernimento essenziale al fine di tradurre la fede cristiana nei termini e modi di pensare nel nostro tempo”.  Continua a leggere

Vangelo (15-08-2013)

ASSUNZIONE DELLA B. V. MARIA:
ASSUNTA IN CIELO, MARIA E’ PIU’ VICINA A NOIassunta

La Chiesa celebra oggi in Maria il compimento del mistero pasquale. Essendo Maria la “piena di grazia”, senza nessuna ombra di peccato, il Padre l’ha voluta associare alla risurrezione di Gesù.
Maria è la vera “arca dell’alleanza”, è la “donna vestita di sole”, immagine della Chiesa. Come l’arca costruita da Mosè stava nel tempio perché era “segno e strumento” dell’alleanza di Dio col suo popolo, così Maria è in cielo nella sua integrità umana, perché “segno e strumento” della nuova alleanza. Continua a leggere

Attualità (15-08-2013)

DOPO LA GIORNATA MONDIALE DELLA GIOVENTU’

Spesso nelle giornate mondiali della gioventù celebrate da Giovanni Paolo II°, da Benedetto XVI° ed ora anche da Papa Francesco si è visto il limite nel loro essere eventi eccezionali: i giovani tornano a casa, nelle loro parrocchie, e non trovano in esse la possibilità di sperimentare emozioni ed entusiasmi analoghi, finendo a volte persino per restare delusi della pochezza di iniziative che tentano di riprodurre l’intensità delle Giornate Mondiali della Gioventù con eventi di dimensione ben più ridotta. E così una certa pastorale giovanile, ma non solo, rischia di scoprirsi incapace di convogliare nel vissuto concreto della parrocchia e di attendere il ripetersi di eventi straordinari per sostenere l’ordinario della vita cristiana. Continua a leggere