Archivio mensile:novembre 2013

Vangelo della domenica (1-12-2013)

1a DOMENICA DI AVVENTO
“E’ ORMAI TEMPO DI SVEGLIARVI DAL SONNO

“E’ ormai tempo di svegliarvi dal sonno” (2a lettura): Sono rivolte anche a noi queste parole che l’apostolo Paolo inviava alla comunità dei cristiani di Roma.
Da quale sonno siamo chiamati ad uscire? C’è un sonno che oscura la coscienza e la ragione, ma c’è anche un sonno nel quale Dio si rivela e parla, come a Giuseppe, lo sposo di Maria, che in sogno riceve la parola di Dio e “svegliatosi dal sonno” si assume la responsabilità di custodire la madre e il bambino che dovrà nascere. Il “sonno”, perciò, non è solo tempo di assenza, ma potrebbe anche essere il periodo dell’attesa, dell’ascolto, dei tempi lunghi del discernimento, lo spazio richiesto per maturare decisioni forti. Il vangelo parla del riposo del seme sotto terra, che “muore” e si sviluppa irresistibilmente finché viene il tempo della mietitura. Continua a leggere

Attualità (1-12-2013)

IL TEMPO DI AVVENTO

Quattro persone si presentano in questo tempo di avvento come esempi e guide all’incontro con Cristo:
Isaia: è il profeta della speranza di Israele, che fa emergere le attese dell’uomo per annunciarne il prossimo compimento nel Salvatore.
Giovanni Battista, che invita alla conversione: per andare incontro a Cristo bisogna uscire dalle proprie sicurezze, dal proprio mondo: si incontra Cristo nel cambiamento, nella novità.
Maria, la donna della disponibilità, che a differenza di Eva accetta il progetto di Dio, e ne attende il Figlio con ineffabile amore. Continua a leggere

Avvisi (1-12-2013)

AVVISI PER LA SETTIMANA

Sabato 30 e domenica 1, all’uscita delle messe, si incontrerà l’”Associazione “Genitori dei bambini down.
Domenica 1, a Montigiano, ore 9.00: s. messa.
a Piano del Quercione : festa del dolce.
ore 9.30: s messa con la partecipaz. dei ragazzi di 5a elem e 1a media. Seguirà incontro di catechesi a Massarosa, ore 11: s. messa con
la partecipaz. dei bambini di 1a elem. e le famiglie.
Lunedì 2, ore 21.00: incontro sulla parola di Dio alla Polla
del Morto, loc. Pattana da Nicla.
Martedì 3, a Luciano, ore 17.oo: s. messa.
a Massarosa, ore 21.00 incontro di preghiera sull’Avvento.
Mercoledì 4, a P. del Quercione, ore 15.00: Amici dell’età libera.
ore 17.3o: s. messa.
Giovedì 5, a Pian di Mommio: Assemblea della zona pastorale su “Il volto missionario delle nostre comunità”.
Venerdì 6, a Gualdo: festa di S. Nicola: ore 20.30: s. messa.
Ore 21.00, a Piano del Quercione: inc. sulla parola di Dio.
Sabato 7, a Massarosa, ore 16.30: confessioni.

Vangelo della domenica (24-11-2013)

GESU’ RE DELL’UNIVERSO
CRISTO SIGNORE DELLA PACE E DELL’UNITA’

Cristo è re, chiamato a guidare il popolo di Dio, ad esserne condottiero (1a lettura), la sua regalità è di origine divina ed ha il primato su tutto, perché in lui il Padre ha posto la pienezza di tutte le cose (2a lettura). Il vangelo di Luca presenta la regalità di Gesù riportando la parodia della sua investitura che si svolge intorno alla croce, trono improvvisato del nuovo messia.. L’iscrizione sopra la croce è la proclamazione di questa investitura: “Gesù Nazareno Re dei Giudei”.
Come ogni cosa importante nella legge mosaica, è necessario che l’intronizzazione sia riconosciuta da due testimoni che, in questa investitura ridicola, sono rappresentati da due malfattori. Continua a leggere

Attualità (24-11-2013)

A CHE SERVE?

E’ pervenuta alla parrocchia la seguente lettera che pubblichiamo quasi per intero, emendando solo pochi riferimenti personali.
“Caro don Bruno, quando, tre anni fa, tu e gli altri due preti siete venuti a Massarosa, speravamo che potesse avvenire qualche cambiamento che ormai non ci attendevamo più. Ti conoscevamo per sentito dire e qualche volta ci era capitato di ascoltarti.
Da tempo, pur continuando a frequentare quasi con regolarità la messa della domenica, non siamo più impegnati in parrocchia, e al vostro arrivo ci siamo messi ad osservare con una certa curiosità. Continua a leggere

Avvisi (24-11-2013)

AVVISI PER LA SETTIMANA

Domenica 24, a Massarosa, ore 11:   s. messa in memoria di Sr
Maurizia e Sr Marcella.
A Pieve a Elici: ore 10.15  incontro dei bambini e
genitori di 3a elementare.
ore 11.30: s messa con la  partecipazione dei bambini
e genitori della 1a e 2a elem.
Lunedì 25, ore 21.00: incontro sulla  parola di Dio al Bertacca.
Martedì 26, a Massarosa, ore 21.00  incontro sulla parola di Dio.
Mercoledì 27, a Piano del Quercione, ore 15.00: incontro degli
Amici dell’età libera. Visita  alle suore a Marlia.
ore 17.3o: s. messa.
Venerdì 29, a Pieve a Elici, ore 21:  incontro dei fidanzati e
giovani sposi.
Sabato 30, a Massarosa, ore 16.30:  incontro dei ragazzi di
5a elem. e 1a media.
Sabato 30 e domenica 1 dicembre, all’uscita delle messe: Associazione bambini  Down.
Domenica 1, A Piano del Quercione: Festa del dolce.
Lunedì 2, ore 21.00: incontro sulla parola di Dio alla Polla del morto a casa di Nicla, loc. Pattana.
Martedì 3, a Luciano, ore 17.00: s. messa
Martedì 3, a Massarosa, ore 21.00: incontro di preghiera per l’inizio dell’Avvento.

Vangelo della domenica (17-11-2013)

XXXIII DOM. DEL TEMPO ORDINARIO
 IL REGNO DI DIOE’ TRA NOI MA NON E’ COMPIUTO

Il nostro Dio è un Dio d’amore. Non salva l’uomo senza di lui, perciò stringe alleanza con il suo popolo: la salvezza è l’incontro di due fedeltà. Ma se Dio è fedele, il popolo no. I profeti annunciano la speranza e l’attesa di un uomo che finalmente saprà dare a Dio una fedeltà assoluta e incondizionata: il Messia. Egli darà l’avvio e nuovi cieli e a una nuova terra, e renderà il cuore dell’uomo sensibile all’azione dello Spirito. Egli riunirà tutti gli uomini dai quattro venti, perché tutti sono chiamati ad essere figli del Padre. Gerusalemme è condannata, perché ha tradito la sua missione trasformando in privilegio per sé il servizio da rendere a tutti i popoli: essa non ha rinunciato al suo particolarismo. Continua a leggere

Attualità (17-11-2013)

IL FUOCO DEL VANGELO

Ho vissuto a lungo in una casa come una volta, con il camino a legna, e spesso mi capitava di stare nel “canto del fuoco” a leggere, meditare, pregare. Dal camino ho maturato un’immagine: la cenere è la chiesa, la brace che ci sta sotto è il Vangelo.
Spesse volte la chiesa, intesa come popolo di persone, si presenta come una realtà misera, inadempiente rispetto alla sua vocazione, “luce del mondo e sale della terra”, e, nonostante ciò, necessaria per il vangelo, perché è la chiesa che lo conserva e lo trasmette da una generazione all’altra (questa è la vera “Tradizione”). E’ la chiesa che consente ad ogni uomo di conoscere il vangelo di Gesù, è lei che con i sacramenti, la predicazione la carità e la testimonianza dei fedeli lo rende presente e operante nella storia dell’umanità. Continua a leggere

Avvisi (17-11-2013)

AVVISI PER LA SETTIMANA

Domenica 17, a Pieve a Elici, ore 10.00: incontro dei bambini e genitori della 4a elementare, segue, alle ore 11.30 s. messa.
Martedì 19 e mercoledì 20: pellegrinaggio a Roma
Martedì 19, a Massarosa, ore 21.00
incontro sulla parola di Dio.
Mercoledì 20, a Piano del Quercio
ne, ore 15.00: incontro degli
Amici dell’età libera.
ore 17.3o: s. messa.
Giovedì 21, a Piano del Quercione,
ore 21.oo: incontro della
comunità.
Venerdì 22, a Piano del Quercione,
ore 21.00: incontro sulla paro
la di Dio

Vangelo della domenica (10-11-2013)

XXXII DOM. DEL TEMPO ORDINARIO
“CREDO LA RESURREZIONE DEI MORTI”

XXXII dom to anno cChe cosa sarà l’uomo dopo la morte? E’ il problema fondamentale dell’esistenza. Se la vita presente è tutto, se non c’è speranza oltre la morte, tutto è perso definitivamente. Il progresso sembra avere uno smacco fatale e definitivo, se si conclude nel nulla della morte. L’impegno, il lavoro, la gioia hanno un valore se con essi avviene una nostra realizzazione. Ma se con la morte tutto finisce e noi non possiamo goderne, non possiamo sederci alla mensa per cui ci siamo sacrificati tutta la vita, tutto sembra avere una inconsistenza radicale. Se il dialogo d’amore con le persone finisce per sempre, l’amore non è più il fulcro della vita dell’uomo, ma semplicemente una cosa tra le tante. Il problema posto dai sadducei (vangelo) non era un interrogativo marginale. Essi hanno chiesto a Gesù il senso di ciò che è per l’uomo essere al mondo. Continua a leggere