Archivio mensile:gennaio 2016

Vangelo della domenica (24-01-2016)

UNA COMUNITA’  IN ASCOLTO

3 domenica to anno cDio si rivela e si comunica all’uomo attraverso la parola e i fatti. Il Dio di Abramo, di Isacco, di Giacobbe, si rivela nella storia degli uomini e, in modo definitivo e perfetto in Gesù Cristo, Parola di Dio vivente incarnata.
La Bibbia raccoglie le vicende, le sofferenze, le angosce, le gioie e le speranze di un popolo; le riflessioni dei saggi, le liriche, gli inni dei poeti, i canti, fino alla vita delle prime comunità cristiane. Tutto questo è, insieme, rivelazione di Dio e rivelazione dell’uomo.

Continua a leggere

Attualità (24-01-2016)

LA MISERICORDIA DI DIO CONTRO LA CATASTROFE DEL PECCATO

Dopo aver esaminato il tema della misericordia nella Bibbia dal punto di vista dei termini con cui viene descritta, passiamo ora ad esaminarlo nella storia biblica della salvezza. Essa comincia dopo il racconto della creazione: Ciò che Dio ha creato è “molto buono”. Egli ha creato l’uomo a sua immagine, maschio e femmina; ha benedetto l’uomo e la donna, ha dato loro il compito di popolare la terra e di custodire e coltivare il creato.

Continua a leggere

Vangelo della domenica (17-01-2016)

CANA: MANCANZA DEL VINO, SIMBOLO DELLA GIOIA

L’evangelista Giovanni definisce le nozze di Cana l’inizio dei segni compiuti da Gesù, una2a domenica to anno c manifestazione della sua gloria che fa nascere la fede nei discepoli. Diverse figure affollano questa scena. Sullo sfondo delle nozze si immaginano facilmente gli sposi e gli invitati, anche se non intervengono. Il personaggio più attivo è Maria, che mostra una consapevolezza molto forte della missione di Gesù: lui deve ridare al popolo la gioia. Maria sembra quasi voler forzare la mano a Gesù. Mostrando la condizione triste degli sposi, simbolo del popolo e dell’umanità, simboleggiata dalla mancanza del vino, simbolo della gioia.

Continua a leggere

Attualità (17-01-2016)

MISERICORDIA NELLA  BIBBIA ANTICA

Secondo una diffusa opinione, il Dio della Bibbia Antica sarebbe un Dio irascibile e vendicativo, mentre quello del Nuovo Testamento un Dio buono e misericordioso. Ci sono dei testi dell’Antico Testamento che possono dare adito a tale opinione. Essi parlano della cacciata e dell’uccisione della popolazione pagana di intere città e popoli su comando di Dio; possiamo pensare anche ai salmi di maledizione. Ma questa visione non corrisponde al processo della progressiva trasformazione dell’idea di Dio all’interno dell’Antico Testamento e del suo sviluppo fino al Nuovo. In fondo è lo stesso Dio quello a cui i due Testamenti rendono testimonianza. Continua a leggere

Vangelo della domenica (6 e 10 gennaio 2016)

6 GENNAIO 2016: EPIFANIA DEL SIGNORE
DOMENICA 10 GENNAIO: BATTESIMO DEL SIGNOREepifania

Con il Natale, l’Epifania e il Battesimo del Signore costituiscono una specie di trittico dell’Incarnazione che scandisce il tempo natalizio. Colui che è venuto nella carne di un uomo (natale) non è solo per i poveri di Israele, ma per tutti i popoli (Epifania) ed ha una missione da compiere (Battesimo del Signore). In questo modo l’incarnazione viene legata alla missione, il Natale alla Pasqua, la nascita al ministero pubblico.

Continua a leggere

attualità (6-01-2016)

TRACCE DI MISERICORDIA NELLE RELIGIONI: L’ISLAM.

In Europa è in primo piano l’incontro con l’islam. Esso ha le sue radici in alcune tradizioni antico e neotestamentarie ed è spesso annoverato, assieme all’ebraismo e al cristianesimo, tra le religioni monoteistiche abramitiche. Non bisogna, tuttavia, sorvolare sulle differenze fondamentali nella concezione di Dio (la Trinità) e nella cristologia (figliolanza divina e morte in croce di Gesù).
Nei diversi strati del Corano si trovano affermazioni diverse a proposito del rapporto con i cristiani.
Tutte le 114 sure del Corano cominciano (ad eccezione solo di una) con le parole: “Nel nome di Dio, clemente e misericordioso”. Tra i 99 nomi di Dio, quelli di “clemente” e “misericordioso” sono i più frequenti. Ogni musulmano è tenuto a praticare la compassione verso i prigionieri, le vedove e gli orfani e a fare l’elemosina sotto forma di tassa. Continua a leggere