Archivio mensile:marzo 2016

Vangelo della domenica (27-03-2016)

DOMENICA DI PASQUA
LA VEGLIA PASQUALE

domenica di pasquaPer antichissima tradizione questa è “la notte di veglia in onore del Signore! (Es 12,42), definita anche “la veglia madre di tutte le veglie” (S. Agostino). In questa notte il Signore “è passato” per salvare e liberare il suo popolo oppresso dalla schiavitù; in questa notte Cristo “è passato” alla vita vincendo la grande nemica dell’uomo, la morte. Questa notte è anche celebrazione del nostro “passaggio” in Dio attraverso il battesimo, la cresima e l’eucarestia. Vegliare è un atteggiamento permanente della chiesa che attende la venuta del Signore, quando la Pasqua si compirà nelle nozze eterne con lo Sposo (Ap 19,7-9).

Continua a leggere

Attualità (27-03-2016)

PASQUA E MISERICORDIA

Gli incontri con il Risorto convinsero i discepoli che, con la morte e risurrezione di Gesù, Dio aveva effettivamente adempiuto in modo definitivo la sua promessa di fedeltà. I discepoli maturarono questa convinzione passando attraverso domande e dubbi. Il racconto dei discepoli di Emmaus (Lc 24,13-35) rispecchia in maniera eloquente il cammino della fede, che i primi discepoli dovettero fare. Esso parla della loro delusione, della loro tristezza e della loro mancanza di fede di fronte alla testimonianza delle donne, fin quando non riconobbero Gesù dal gesto dello spezzare il pane e tornarono poi velocemente a Gerusalemme. Continua a leggere

Vangelo della domenica (20-03-2016)

domenica delle palme“BENEDETTO COLUI CHE VIENE NEL NOME DEL SIGNORE”

Con questa domenica entriamo nella Settimana santa: in essa facciamo memoria del “mistero pasquale”,, ossia degli eventi che sono accaduti “per noi e per la nostra salvezza”. Il salmo responsoriale dà il tono della celebrazione; esprime tutta l’angoscia di chi avverte la vicinanza del pericolo, il peso degli avversari e sente Dio come se fosse lontano. La prima reazione è quella di gridare aiuto, di chiamare in causa Colui che solo può salvarci: “Ma tu, Signore, non stare lontano!”. Nella fede, però, già avvertiamo anche la risposta, intravvediamo la luce della Pasqua: Gesù che si umilia fino alla morte, per amore, sarà colui che Dio risusciterà e che, trionfando sulla morte, aprirà un futuro di speranza per tutti.

Continua a leggere

Attualità (20-03-2016)

LA PENITENZA, SACRAMENTO DELLA MISERICORDIA

Il sacramento della penitenza incontra, oggi, profonda crisi. I motivi sono molteplici. Da molti il sacramento della penitenza non è sperimentato solo come un dono pasquale e come una liberazione, ma come una costrizione e un mezzo di controllo, come un tentativo di pilotare le coscienze e di mettere sotto curatela le persone. Ad alcuni più anziani il sacramento della penitenza richiama alla mente esperienze traumatiche. Per molti, invece il distacco dalla confessione è dovuto alla presunzione di innocenza. La colpa è sempre e solo di altri o del “sistema”. Nel frattempo però si avverte anche qualche novità positiva: soprattutto nei luoghi di pellegrinaggio e in centri di spiritualità, in luoghi e momenti organizzati allo scopo in questo anno giubilare della misericordia, ci si accosta al sacramento della penitenza e alcune persone lo sperimentano di nuovo come un dono di grazia. Continua a leggere

Vangelo della domenica (13-03-2016)

V DOMENICA DI QUARESIMA – ANNO C – VA’ E NON PECCARE PIU’

Il cammino quaresimale è come un lungo pellegrinaggio che, da una parte, è esperienza di povertà, è esodo da un quotidiano che a volte può essere pesante o privo di senso e, dall’altra parte, è ricerca di nuovi orizzonti, esperienza di coraggio e di conquista. Da un lato, il tempo di distanza dalla propria dimora causa sofferenza e anche nostalgia, dall’altro lato il momento del ritorno, rinnovati da una nuova consapevolezza e identità, genera gioia e nuova vitalità. La Parola che ci guida all’incontro con Gesù può cambiare la nostra esistenza. Può essere energia che risana le nostre ferite e genera in noi quel rinnovamento che non possiamo ottenere con le nostre forze.

Continua a leggere

Vangelo della domenica (6-03-2016)

V domenica di quaresima anno c – ESSERE ACCOLTI DA DIO

V DOM QUARESIMA ANNO CSiamo accolti da Dio. E’ questo il tema centrale della liturgia di questa domenica. La riconciliazione che Dio ci offre rappresenta una nuova continua creazione. Alla base di questo processo di rinascita non ci stanno le nostre opere, le conquiste della nostra intelligenza ed efficienza, ma l’iniziativa gratuita di Dio, che instaura nel nostro mondo, nella nostra storia quotidiana, una situazione di pace, di ripresa continua dell’alleanza. La parola di Dio ci parla di nuovo inizio, di perdono e di festa. Di questo dono di Dio siamo allo stesso tempo destinatari e ambasciatori. Chiamati, in quanto cristiani, a portare nel mondo quella energia che agiva in Gesù e che continua ad operare anche in noi, nonostante le nostre incoerenze.

Continua a leggere

Attualità (6-03-2016)

LE PARABOLE DELLA MISERICORDIA

Gesù ha spiegato nel modo migliore il messaggio della misericordia nelle sue parabole: in primo luogo in quella del samaritano e del figlio prodigo.
Nella prima Gesù ci presenta come esempio di misericordia proprio un samaritano. I samaritani non erano considerati veri ebrei, ma quasi come dei pagani. Perciò dovrebbe essere suonato come una provocazione il fatto che prima un sacerdote e poi un levita siano passati accanto alla vittima stesa lungo il ciglio della strada, senza curarsi di lei, mentre proprio un samaritano se ne prese cura. Il samaritano non tira diritto davanti all’uomo brutalmente ferito, che giace impotente al suolo. Appena lo vede è preso da compassione, dimentica i suoi affari, per cui si trova in cammino, si piega a terra, gli presta aiuto e gli fascia le ferite. Poi paga generosamente l’oste per le cure e per l’assistenza che gli presterà. Continua a leggere