Archivi categoria: Articoli attualità e rubriche

Attualità (14-04-2019)

CREDO LA VITA ETERNA

La nostra vita è monitorata e orientata, nelle sue scelte quotidiane, da ricerche di mercato e sondaggi di opinione. E’ un settore della comunicazione sociale che troppo spesso, più che al benessere delle creature, mira al tornaconto di pochi, secondo piccole categorie umane, mosse da interessi immediati. L’immagine e il tempo storico, dati importanti nella vita dell’uomo, rischiano di diventare il solo parametro dell’esistere.. L’”oltre” che per noi cristiani significa “credere nella vita eterna”, al pari di un’altra parola, “santità”, sembrano suscitare fastidio e rischiano di essere rimosse dalle nostre prospettive esistenziali. Continua a leggere

Attualità (7-04-2019)

LA TRASMISSIONE DELLA FEDE

Che cosa sono chiamati a trasmettere oggi i genitori che si dicono cristiani ai loro figli? Si potrebbe rispondere che sono chiamati a trasmettere quanto li fa vivere. Il Concilio dice che la Chiesa “perpetua e trasmette a tutte le generazioni tutto ciò che essa è, tutto ciò che essa crede”, il suo patrimonio.
Fa parte di questo patrimonio, anzitutto, il Cristo vivente nello Spirito e, dunque il Dio in cui la Chiesa confida, che la fa esistere, e senza la quale essa non sarebbe: Cristo vivente e Dio-Trinità.
E’ un’ affermazione tutt’altro che superflua nel tempo attuale. Continua a leggere

Attualità (31-03-2019)

RIPENSARE LA PARROCCHIA

Ci si preoccupa del calo delle vocazioni al sacerdozio e alla vita consacrata. E’ giusto che ci si domandi quali sono le cause dipendenti da noi, dalla nostra cultura e dalla testimonianza delle nostre comunità. E’ certo, tuttavia, che il Signore nella sua provvidenza non farà mancare alla sua chiesa, le persone necessarie per annunciare il Vangelo e celebrare i sacramenti. Allora si pone una questione: cosa vuol dire il Signore con questi segni? Al tempo della chiesa primitiva, l’apostolo Pietro rispose a questa domanda demandando il servizio delle mense per i poveri ai diaconi e riservando agli apostoli (vescovi) e ai presbiteri (preti) il compito di pregare e annunciare la parola di Dio. Quindi, S. Pietro, illuminato dallo Spirito Santo, decise che i vescovi e i preti non dovevano fare i burocrati, i notai delle pubbliche cerimonie, come diceva don Tonino Bello, gli amministratori, i manager, i tuttologi…, ma devono impegnarsi per il Signore, continuando il compito di Gesù: pregare, annunciare il vangelo, incontrare i poveri. Continua a leggere

Attualità (24-03-2019)

I PRETI SCENDONO IN POLITICA?

La meraviglia e la sorpresa manifestata da alcuni cittadini e raccolta dagli organi di stampa per la candidatura di Don Silvio Righi, parroco della comunità pastorale di Camaiore, all’assemblea del Consorzio di Bonifica è comprensibile.
“E’ la prima volta” si è detto. “I preti scendono in politica”. (Si tratta di un impegno amministrativo non politico. ndr) E’ una novità legata ai nuovi indirizzi che Papa Francesco sta dando alla Chiesa. Egli vuole una “Chiesa in uscita”, cioè non rinserrata nei suoi luoghi e dedita solamente alle celebrazioni e alle devozioni. Anche il Card. Bassetti, presidente dei vescovi italiani e molti altri pastori sollecitano i fedeli e le comunità ad un maggiore impegno nel mondo del sociale, della cultura e della politica, intesa non come partitica, cioè “di parte”, ma in senso alto. Paolo VI affermava che “la politica è la forma più alta della carità”. Continua a leggere

Attualità (17-03-2019)

MIGRANTI, COSTITUZIONE, CRISTIANI

“Prima le persone!”. Non vuole essere uno slogan da contrapporre ad altri, è un principio che, nella sua semplicità, traduce i principi della nostra Costituzione.
Per un cristiano quei valori hanno sorgente dal Vangelo che ci consegna una spiritualità che è profezia di umanità. La vita di una persona va al di là del luogo di nascita e ha una dimensione universalistica che ci fa essere tutti figli di Dio, e, per questo, fratelli. E’ questa spiritualità incarnata che ci fa essere intransigenti difensori di diritti e dignità Dice Papa Francesco: “Occorre passare dal considerare l’altro come una minaccia alla nostra comodità allo stimarlo come qualcuno che, con la sua esperienza di vita e i suoi valori, può apportare molto e contribuire alla ricchezza della nostra società”. Continua a leggere

Attualità (10-03-2019)

VANGELO E DEMOCRAZIA

Non si contano più gli appelli rivolti ai cattolici perché ritornino all’impegno politico. Essi vengono prima di tutto da Papa Francesco, da numerosi vescovi, e, in particolare dal loro Presidente, Card. Gualtiero Bassetti, per il quale è giunto il momento di ristabilire dal basso una grande rete di laici per la costruzione di un’Italia più solidale, europea e attenta al bene comune. Anche importanti uomini di cultura, spesso non credenti, come Umberto Garimberti e Ernesto Galli della Loggia hanno rilevato la necessità di una presenza significativa dei cristiani con i loro valori universali nel mondo della cultura e della politica. Continua a leggere

Attualità (3-03-2019)

GUARDARE DENTRO DI SE PER VEDERE L’ALTRO

Sapersi orientare nella vita, in quella quotidiana e nelle grandi scelte, costituisce un obiettivo indispensabile per ogni persona.
Questo orientarsi richiede a sua volta di saper discernere, tra le molteplici possibilità, quella più opportuna, quella più costruttiva per sé e per il bene comune. Nella cultura di oggi le possibilità di scelta sono moltiplicate. L’informatica e la disponibilità di beni di consumo hanno ampliato il ventaglio delle scelte possibili. Oggi è più difficile individuare il vero bene: tante realtà si presentano come buone, ma alla prova dei fatti lo sono solo in modo apparente o non lo sono affatto. Continua a leggere

Attualità (24-02-2019)

IL PAPA E I GIOVANI

I nostri ragazzi e i nostri giovani vengono normalmente educati alla venerazione degli “dèi falsi e bugiardi” del pantheon corrente come gli idoli del possedere, del piacere, del potere. E non pochi di loro son venuti su con lo slogan fatale: “Se sei bravo, avrai successo. E se avrai successo sarai felice”. Essi non sono i responsabili primi di questo modo di pensare, ma lo sono gli adulti, i quali dovrebbero fare, per primi, una onesta autocritica per liberarsi dai non pochi preconcetti nei loro confronti. Qualche tempo fa un personaggio della politica ha definito i giovani “bamboccioni”, cioè pigri, sfaticati… Eppure sono più di un milione, in Italia, i giovani tra i 14 e i 29 anni impegnati in attività di volontariato; e il dato è in crescita. Continua a leggere

Attualità (17-02-2019)

ECCO IL REDDITO… ESCLUDENTE

Finalmente, poco dopo la metà di gennaio, è arrivato il tanto annunciato e atteso reddito di cittadinanza. Entrerà in vigore in aprile, in modo da costituire una buona propaganda elettorale per le elezioni europee che si faranno a maggio. E’ questa fretta che ha determinato tante incertezze sulla sua esecuzione e sulla sua efficacia, ed anche l’esclusione di passaggi di discussione e di dibattito parlamentare e con le forze che operano sul campo. Continua a leggere

Attualità (10-02-2019)

PRECONCETTI E PREGIUDIZI

Persistono ancora nella fede di molti cristiani e comunità dei “filtri, per giunta intasati, che stanno all’origine di molti rifiuti e bollano la possibilità di una recezione integrale del Vangelo e del genuino messaggio cristiano.
Sono quelle immagini deformate di Dio che non pochi cristiani si trascinano dietro come, ad esempio quella di Dio come di un padre-padrone, permaloso e vendicativo, sempre pronto ad arrabbiarsi per una minima monelleria. Oppure di uno spauracchio, impegnato a fulminare minacce, ricatti e castighi, pur di farsi obbedire e rispettare. Od anche di rischio opposto, quello di pensare Dio come un paparino tenerone e buonista, che anche se arriviamo a chiamarlo “Abbà-Padre, gli attribuiamo il vizio di pensare sempre alla sua gloria, attribuendogli una perenne sete del nostro tributo di onori, incensi e complimenti. Continua a leggere