Archivi categoria: Articoli attualità e rubriche

Attualità (9-06-2019)

PENTECOSTE OGGI

In termini attuali potremmo dire che Pentecoste è la festa della “mondializzazione” del Vangelo. La Buona Notizia della risurrezione esplode inafferrabile per raggiungere tutti gli uomini! Quel giorno è cominciato qualcosa che non si fermerà più: “… e cominciarono a parlare altre lingue… tutti li udiamo parlare nelle nostre lingue delle grandi opere di Dio”. Duemila anni dopo in molti paesi e in quasi tutte le lingue ancora si proclama l Vangelo. Lo Spirito continua a trasmettere il suo soffio vitale. La vita di Gesù ha questo di particolare: essa non si conclude con la sua morte. Tre giorni dopo il dramma del Golgota comincia una nuova tappa che si iscrive nella storia dell’umanità. Grazie, certamente, alla sua risurrezione, ma anche all’azione dei discepoli. Grazie al legame profondo che si scopre tra la vita delle prime comunità cristiane e le parole ed i gesti di Gesù. Continua a leggere

Attualità (2-06-2019)

NON SEPARARE TERRA E CIELO

La festa dell’ascensione del Signore ci invita a non opporre il cielo alla terra, anzi ci impegna con forza a non separarli mai. Proprio prendendo atto dell’assenza fisica di Gesù, l’ascensione proclama la sua presenza in mezzo a noi attraverso la forza dello Spirito Santo.
Che cosa sarebbe una religione che guardasse solo verso il cielo? Diventerebbe una fuga in avanti, un’evasione poco gloriosa fuori dal mondo. Compresa in questo modo, la religione si attirerebbe una duplice critica: quella di mancare di coraggio o di essere indifferente alla condizione storica, ma anche quella di esprimere sfiducia o addirittura disprezzo verso la creazione e il suo Creatore. Ma noi cristiani crediamo in un Dio che si è fatto uomo e che è venuto ad abitare sulla terra! Continua a leggere

Attualità (26-05-2019)

QUALE FEDELTA’ PER I DISCEPOLI DI OGGI?

I primi capitoli degli Atti degli Apostoli, che leggiamo in queste domeniche di Pasqua ci narrano il nascere e lo svilupparsi della Chiesa dopo che Gesù è asceso al cielo e sugli apostoli è disceso lo Spirito santo a Pentecoste.
La prima comunità si trova subito di fronte a un tornante difficile, ma anche decisivo. L’interrogativo non è di poco conto: aderire a Gesù significa passare obbligatoriamente attraverso la Torah (la Legge) e assumere l’identità giudaica (la circoncisione)? La decisione non è addebitata alla capacità degli apostoli, custodi della tradizione evangelica, ma all’azione dello Spirito. Continua a leggere

Attualità (19-05-2019)

DUE IDEE DI EUROPA

Le elezioni europee di domenica prossima ci danno la possibilità di scegliere tra due idee di Europa. Quella ispirata ai valori della solidarietà e della cooperazione, e quella ispirata ai sovranismi degli Stati. Dobbiamo chiederci che cosa vogliamo per il nostro futuro, per quello dei nostri figli e nipoti. Il progetto originale, L’Europa casa delle minoranze, deve realizzare una maggiore equità per tutti, resta il migliore e va ripreso con slancio e determinazione. Continua a leggere

Attualità (12-05-2019)

ASCOLTARE E ACCOMPAGNARE

I giovani, attraverso varie manifestazioni in vari paesi, hanno riproposto le sfide dell’ambiente e dell’inquinamento, e, più in generale, la costruzione della casa comune. Anche Papa Francesco, nell’enciclica “Laudato sì” ribadisce che, per bloccare l’inquinamento, servono interventi concreti. La spiritualità ecologica diventa, così, l’orizzonte di comprensione di tutte le scelte pastorali per rinnovare l’azione della Chiesa nei territori. Quale decisione è utile prendere per il bene di tutti? Quali conflitti sociali e ambientali sono presenti nel territorio dove vivono le nostre comunità? Anche nell’ambito della nostra comunità pastorale (Piano del Quercione) si è posto il problema. Anzitutto la denuncia di ciò che umilia e offende la persona; l’accompagnamento di tutte le parti in causa, lo stile di sobrietà e di povertà: la competenza tecnica; la proposta di azioni possibili. Continua a leggere

Attualità (28-04-2019)

RICOSTRUIRE COMUNITA’ IN EUROPA

“Invitiamo i nostri concittadini europei a non cadere nella tentazione di guardare indietro, ma a esercitare i loro diritti nella costruzione dell’Europa. Facendo sentire la loro opinione le persone hanno il potere di orientare l’Unione nella direzione che auspicano”. Il 12 febbraio i vescovi della Commissione degli episcopati dell’Unione Europea hanno pubblicato una Dichiarazione in vista delle elezioni per il Parlamento europeo che si terranno tra il 23 e il 26 maggio 2019 intitolata “Ricostruire comunità in Europa”. Continua a leggere

Attualità (21-04-2019)

APRIRSI AL MISTERO DI DIO

Non si può combattere la paura della morte con il ragionamento, con i nostri sforzi umani, ma stando con Gesù e Maria che hanno già vinto ogni timore. “La morte è il simbolo di ogni altra paura, ultimo atto di ciò che non vorremmo: malattia, vecchiaia, solitudine. E’ la roccia dura che ci impedisce di affondare nella superficialità cercando una meta per cui valga la pena vivere. Ma senza superare questo timore non siamo davvero con Gesù” scriveva il Cardinal Carlo Maria Martini. Il Figlio di Dio, partecipe della nostra condizione umana, nel Getsemani è turbato prima di entrare in questo mistero. Lo consolano la preghiera e l’abbandono al Padre. Continua a leggere

Attualità (14-04-2019)

CREDO LA VITA ETERNA

La nostra vita è monitorata e orientata, nelle sue scelte quotidiane, da ricerche di mercato e sondaggi di opinione. E’ un settore della comunicazione sociale che troppo spesso, più che al benessere delle creature, mira al tornaconto di pochi, secondo piccole categorie umane, mosse da interessi immediati. L’immagine e il tempo storico, dati importanti nella vita dell’uomo, rischiano di diventare il solo parametro dell’esistere.. L’”oltre” che per noi cristiani significa “credere nella vita eterna”, al pari di un’altra parola, “santità”, sembrano suscitare fastidio e rischiano di essere rimosse dalle nostre prospettive esistenziali. Continua a leggere

Attualità (7-04-2019)

LA TRASMISSIONE DELLA FEDE

Che cosa sono chiamati a trasmettere oggi i genitori che si dicono cristiani ai loro figli? Si potrebbe rispondere che sono chiamati a trasmettere quanto li fa vivere. Il Concilio dice che la Chiesa “perpetua e trasmette a tutte le generazioni tutto ciò che essa è, tutto ciò che essa crede”, il suo patrimonio.
Fa parte di questo patrimonio, anzitutto, il Cristo vivente nello Spirito e, dunque il Dio in cui la Chiesa confida, che la fa esistere, e senza la quale essa non sarebbe: Cristo vivente e Dio-Trinità.
E’ un’ affermazione tutt’altro che superflua nel tempo attuale. Continua a leggere