Attualità (30-07-2017)

MASSAROSA E YALGO

La nostra comunità pastorale è gemellata da 6 anni con la missione di Yalgo, in Burkina Faso, estesa su un vasto territorio semideserto, comprendente 27 villaggi, con un totale di circa 50 mila abitanti. Il Burkina Faso. Secondo il rapporto ONU sullo sviluppo è il penultimo nella classifica dei paesi più poveri al mondo e la regione del Namentenga, dove si trova Yalgo è la più povera del paese.
Fin dalla nascita della missione, nel 2012, abbiamo contribuito, con l’aiuto di tanti amici generosi, alla crescita del benessere della popolazione. Abbiamo contribuito alla costruzione della casa parrocchiale, del dispensario medico, oggi punto di riferimento per un’ampia zona, per la presenza del medico, che, di solito, non è presente nei centri medici delle campagne, e del centro nutrizionale, che cura i bambini affetti da denutrizione e malnutrizione e fa formazione alle mamme per la preparazione di cibi adatti ai bambini e al loro svezzamento. Abbiamo costruito una scuola materna, una elementare ed una media. Abbiamo realizzato alcuni pozzi artesiani e vari pozzi tradizionali per la fornitura di acqua potabile ai villaggi. In tempi brevi vorremmo fornire almeno un pozzo ad ogni villaggio in modo che le donne e i bambini non debbano affrontare lunghi e faticosi viaggi per provvedere l’acqua. Dal 2012 ad oggi abbiamo inviato anche 7 container con materiali di prima necessità, come articoli sanitari, materiale per le scuole, biciclette, particolarmente utili ai ragazzi che abitano nei villaggi più lontani per venire a scuola. Abbiamo trasportato 2 automobili, 4 motocoltivatori, un mulino, strumenti particolarmente utili, perché fanno guadagnare tempo alle donne, che , di solito, quando comincia la stagione delle piogge, lavorano la terra con una zappetta da giardino e macinano i cereali con un grosso palo dentro una specie di mortaio. Il tempo guadagnato di venta utile alle donne per partecipare a corsi di alfabetizzazione e di formazione all’igiene, e alla cura dei bambini e a corsi di formazione professionale, cucina, taglio e cucito, ecc. e a partecipare a incontri che favoriscono la partecipazione alla vita della comunità.
Stiamo allestendo un nuovo container che si trova già presso la parrocchia di Bozzano, che partirà in agosto con molto materiale utile.
L’acquisto e la spedizione del container ha un costo di circa sei mila euro. In Burkina, poi, dove le case sono di fango e paglia, i container si sono rivelati molto utili come magazzini di materiali, di cereali e altri alimenti, e perfino come sede di uffici.
Un nostro volontario già dall’inizio della missione trascorre in loco 6 mesi l’anno per coordinare i progetti e concordarne di nuovi insieme con la gente del posto.
Ecco un moto concreto e efficiente per “aiutare gli africani a casa loro”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *