Attualità (31-03-2019)

RIPENSARE LA PARROCCHIA

Ci si preoccupa del calo delle vocazioni al sacerdozio e alla vita consacrata. E’ giusto che ci si domandi quali sono le cause dipendenti da noi, dalla nostra cultura e dalla testimonianza delle nostre comunità. E’ certo, tuttavia, che il Signore nella sua provvidenza non farà mancare alla sua chiesa, le persone necessarie per annunciare il Vangelo e celebrare i sacramenti. Allora si pone una questione: cosa vuol dire il Signore con questi segni? Al tempo della chiesa primitiva, l’apostolo Pietro rispose a questa domanda demandando il servizio delle mense per i poveri ai diaconi e riservando agli apostoli (vescovi) e ai presbiteri (preti) il compito di pregare e annunciare la parola di Dio. Quindi, S. Pietro, illuminato dallo Spirito Santo, decise che i vescovi e i preti non dovevano fare i burocrati, i notai delle pubbliche cerimonie, come diceva don Tonino Bello, gli amministratori, i manager, i tuttologi…, ma devono impegnarsi per il Signore, continuando il compito di Gesù: pregare, annunciare il vangelo, incontrare i poveri.
I laici non sono la fanteria della chiesa, ma sono i responsabili, da laici, della vita della chiesa. Il Battesimo li ha costituiti “sacerdoti, re e profeti”, doni da esercitare in comunione con la gerarchia per amore del Signore e dei fratelli, senza cadere nella clericalizzazione.
Il Concilio ha detto con chiarezza che tutta la Chiesa è missionaria, che l’evangelizzazione con la parola e la testimonianza, è il segno più evidente dell’identità cristiana. Il Concilio ha anche affermato che la gerarchia è a servizio della crescita umana e cristiana dei fedeli laici.
L’esperienza delle chiese di missione ci insegna che parrocchie estese per decine di chilometri e con numerosa popolazione, rette da qualche prete, sono seguite e guidate da “animatori” che trovano il loro centro di unità nella parrocchia.
I preti visitano le cappelle, formano gli animatori, catechizzano il popolo e celebrano i sacramenti.
La chiesa non è formata dalle sue strutture, parrocchie, conventi, monasteri, ecc, ma dall’amore a Cristo e si esprime visibilmente nell’unità e nella comunione dei suoi membri. E’ attenta ai più poveri e al creato e si impegna a realizzare la giustizia, la libertà e la pace. Le chiese e le cappelle prive di preti potrebbero divenire luoghi di incontro di fratelli di fede, guidati da un animatore adeguatamente formato al servizio della comunità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *