Attualità (9-06-2019)

PENTECOSTE OGGI

In termini attuali potremmo dire che Pentecoste è la festa della “mondializzazione” del Vangelo. La Buona Notizia della risurrezione esplode inafferrabile per raggiungere tutti gli uomini! Quel giorno è cominciato qualcosa che non si fermerà più: “… e cominciarono a parlare altre lingue… tutti li udiamo parlare nelle nostre lingue delle grandi opere di Dio”. Duemila anni dopo in molti paesi e in quasi tutte le lingue ancora si proclama l Vangelo. Lo Spirito continua a trasmettere il suo soffio vitale. La vita di Gesù ha questo di particolare: essa non si conclude con la sua morte. Tre giorni dopo il dramma del Golgota comincia una nuova tappa che si iscrive nella storia dell’umanità. Grazie, certamente, alla sua risurrezione, ma anche all’azione dei discepoli. Grazie al legame profondo che si scopre tra la vita delle prime comunità cristiane e le parole ed i gesti di Gesù.
Quanto accade nel giorno di Pentecoste, “quasi come un grande Big Bang, innesta il dinamismo profondo che anima la testimonianza ecclesiale, sostenuta dalle effusioni dello Spirito. Prima i discepoli si nascondono, paralizzati dalla paura. Ed ecco che l’irruzione dello Spirito, irresistibile come la tempesta e bruciante come lingue di fuoco, trasforma quegli uomini in testimoni intrepidi, pronti ad affrontare ogni pericolo pur di portare a termine la loro missione. Anche oggi, testimoni del Risorto siamo tutti, grazie al Battesimo e alla Cresima. In quanto “Cristiani” siamo chiamati a far conoscere ed amare il Cristo, immagine vivente di un Dio d’amore.
Nei primi tre secoli della sua esistenza il cristianesimo ha affermato la sua originalità nonostante l’ostilità e le persecuzioni dei poteri stabiliti. Hanno cambiato la faccia del mondo con la sola forza della loro fede e il loro stile di vita. Anche oggi la vera fedeltà non consiste nel preservare o nel restaurare le tradizioni. Essa è fatta piuttosto di una duplice apertura: alle sollecitazioni dello Spirito, ma anche alle povertà e alle attese del mondo. E’ facile, lungo la strada venire meno: la Pentecoste rischiara il nostro percorso e ristora le nostre forze.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *