Archivi categoria: Riflessioni del Vangelo

Vangelo della domenica (1-12-2019)

1a domenica di Avvento anno a -VIGILANTI NELL’ATTESA

Il tempo di Avvento segna l’inizio di un periodo di attesa, nel quale occorre scuotersi dalla confortante (e intorpidente?) “normalità” del Tempo ordinario appena concluso ed assumere un atteggiamento di vigilanza, necessario per non perdere nessuno dei frutti che la nascita del Figlio di Dio porterà all’umanità.

Continua a leggere

Vangelo della domenica (24-11-2019)

Nostro Signore Gesà Cristo Re dell’Universo -GESU’ CRISTO,
RE  DI RICONCILIAZIONE

La solennità di Cristo Re dell’universo coincide con la conclusione dell’anno liturgico. Già le letture delle scorse domeniche ci hanno invitato a riflettere sul tema delle realtà ultime, cioè la morte, il giudizio, la risurrezione dai morti e la fine della storia. La parola di Dio di oggi invita finalmente a contemplare il Signore Re dell’universo, come colui che porta a compimento la storia riconciliando gli uomini con Dio per ristabilire la comunione compromessa dal peccato delle origini (seconda lettura).

Continua a leggere

Vangelo della domenica (17-11-2019)

domenica XXXIII del t.o. anno c -IL REGNO DI DIO TRA NOI

Mentre lo sguardo ammirato dei contemporanei di Gesù si sofferma sulla bellezza e la ricchezza

 del Tempio, gli occhi del Maestro si spingono più in là, ben oltre l’apparenza di strutture che, seppur importanti, sono comunque opere degli uomini. Lo sguardo di Gesù si estende alla storia nel suo insieme e. mentre da un lato scorge le sofferenze che attendono i suoi discepoli, dall’altro intravede un futuro pieno di speranza, quello stesso futuro di cui i profeti avevano parlato, nel quale il giudizio di Dio decreterà la fine dei malvagi e il premio dei giusti (prima lettura e vangelo).

Continua a leggere

Vangelo della domenica (10-11-2019)

domenica XXXII del t.o. anno c -LA SPERANZA NEL DIO DEI VIVI

Le letture di questa domenica, soprattutto la prima e il vangelo, ci invitano a riflettere sulla fede nella vita dopo la morte. Da sempre gli uomini di ogni cultura e religione si sono interrogati sul senso della morte e sulla possibilità che anche dopo la morte la vita possa continuare. Le risposte che sono state date lungo i millenni sono assai diverse, spesso fantasiose.

Continua a leggere

Vangelo della domenica (3-11-2019)

31 domenica del tempo ordinario anno c.

Le letture di questa domenica parlano ancora una volta dell’amore di Dio nei confronti degli uomini, soprattutto dei più lontani, e di coloro che, almeno all’apparenza, sembrano essere destinati al fallimento.
La prima lettura ricorda che Dio non si stanca di sperare nell’uomo e cerca ostinatamente di ricondurlo sul cammino della vita, sia concedendogli tempo, sia ammonendolo affinché, pentendosi, rinneghi la malvagità e creda in lui.

Continua a leggere

Vangelo della domenica (27-10-2019)

domenica XXX del t.o. anno c -RESI GIUSTI PER LA FEDE

Probabilmente a molti sarà capitato, almeno una volta nella vita, di ritenere che se tutti la pensassero come noi il mondo sarebbe migliore. Magari abbiamo anche avuto l’ardire di dare a Dio qualche suggerimento su come condurre il corso della storia e gli eventi della nostra esistenza. Spesso, poi, esprimiamo giudizi impietosi verso gli altri, senza nemmeno conoscere realmente cosa abita nel loro cuore.

Continua a leggere

Vangelo della domenica (20-10-2019)

domenica XXIX del t.o. anno c -LA PREGHIERA,
ATTO DI VERITA’ E DI FEDE

Cosa significa pregare? Come dobbiamo pregare? Dio ascolta le nostre preghiere? Se sì, perché talvolta abbiamo l’impressione che la sua risposta tardi ad arrivare? Questi interrogativi ci introducono al tema proposto dalle letture di questa domenica.
Nella prima lettura Mosè, che rimane pazientemente davanti a dio con le mani alzate per impetrare la vittoria del popolo di Israele nella guerra contro gli amaleciti, illustra l’efficacia della preghiera.

Continua a leggere

Vangelo della domenica (13-10-2019)

XXVIII domenica del t.o. anno c – GRATITUDINE ED EUCARISTIA

Il tema che come un filo rosso percorre le letture della liturgia della Parola è la gratitudine nei confronti di Dio per i suoi innumerevoli benefici. In modo particolare la prima lettura e il vangelo hanno come protagonisti due uomini stranieri che vengono miracolosamente guariti dalla lebbra. La lebbra è sempre considerata nella Bibbia come un castigo provocato dal peccato, per cui la guarigione viene intesa come espressione della ritrovata comunione con Dio.

Continua a leggere

Vangelo della domenica (29-09-2019)

XXVI domenica del t.o. anno c -CAMBIARE L’ORDINE DEI VALORI

Le letture di oggi sono accomunate, pur con accenti diversi, dall’insegnamento sul corretto uso del denaro e della ricchezza. Se già nel vangelo di domenica scorsa Gesù aveva severamente ammonito che non si può servire Dio e la ricchezza, ora ritorna sull’argomento con il racconto del ricco anonimo e del povero Lazzaro, con l’obiettivo di richiamare l’attenzione sulla gravità delle omissioni compiute nei confronti dei più poveri e, di conseguenza, sul dovere di ciascuno di soccorrere i deboli e gli indigenti. Tale urgenza era emersa in più passi della Scrittura, come riconosce Gesù stesso menzionando Mosè e i Profeti.

Continua a leggere