Vangelo della domenica (10-04-2016)

SALVATI PER ANNUNCIARE LA GLORIA DEL RISORTO

III dom di pasqua anno cLa Pasqua continua nella vita della chiesa: passione e risurrezione sono costantemente presenti nella sua vita guidata dallo Spirito.
Il senso pasquale della lode liturgica, il riconoscimento che la salvezza viene da Dio e da Colui che è stato crocifisso e risuscitato, devono trasparire anche dalla vita del cristiano e della comunità.
All’accusa e alla proibizione di insegnare “nel nome” di Gesù, Pietro, a nome di tutti, parla con franchezza e con forza, come testimone della risurrezione: E’ una testimonianza di parole e di fatti, perché dopo essere stati frustati, se ne vanno “lieti di essere stati oltraggiati per amore del nome di Gesù” (prima lettura).


La stessa testimonianza la troviamo sulle labbra di Pietro (vangelo), che, perdonato da Gesù, si getta in mare per raggiungerlo. Gesù, dopo avergli chiesto conferma del suo amore, non gli dà un’investitura di poteri e privilegi, ma una missione conferita in virtù di un rapporto di fede e di amore. E’ una missione che non riguarda solo Pietro e gli altri “pastori”, ma tutti i cristiani che, riconoscendosi salvati, credono nella missione salvatrice di Cristo e si sentono chiamati a diventare “salvatori” con lui.
La redenzione non è terminata, si compie nel tempo; al di là delle sofferenze di questo mondo, senza abbandonare la lotta contro di esse, crediamo nella vittoria del Risorto: ogni giorno riprendiamo la lotta contro il male nelle sue varie forme, diventando così annunciatori e testimoni di risurrezione.
Di fronte alle sfide attuali: disoccupazione, condizioni difficili di lavoro, di salute, di abitazione, di fronte al dramma degli immigrati, il cristiano sente il dovere di impegnarsi a fondo. Egli non ha nulla della “gente bigotta” che fa solo discorsi. Il cristiano vuole essere un uomo più umano degli altri, più preoccupato della difesa dei più deboli, della realizzazione di una società più giusta e più fraterna. E’ così che la sua fede e il suo amore diventano concreti e visibili, testimonianza di risurrezione per ogni essere umano.

Scarica foglietto della domenica