Archivi categoria: Varie

Attualità (29-09-2019)

DIO PRIVILEGIA I POVERI

In ogni parte del mondo si incontrano volti diversi della povertà: la povertà dignitosa di chi è felice di ciò che possiede; la povertà solidale di chi sa condividere; la povertà degradante di portatori di handicap che mendicano sulle strade; la povertà abusata dei bambini e delle donne venduti come schiavi del lavoro e del sesso; la povertà arrabbiata di chi non ha futuro; la povertà scelta per amore di Dio e dei fratelli. Continua a leggere

Vangelo della domenica (18-08-2019)

XX domenica del t.o. anno c -LA VERITA’ SUSCITA OPPOSIZIONE

Le letture di oggi invitano al coraggio e alla perseveranza nella fede. Credere in Dio è certamente un grande dono ed è fonte di pace e di gioia: tuttavia chi crede deve mettere in conto ostilità e persecuzioni da parte di un mondo che spesso vive in radicale opposizione al disegno di Dio. Ciò non deve spaventare, ma deve ricordare ai discepoli che la fede non è un gioco e che non sono ammessi compromessi di sorta. Sull’esempio dei profeti dell’Antico Testamento e dello stesso Gesù, i cristiani sono chiamati a fare della propria vita un sacrificio gradito a Dio, rinunciando ai piccoli e grandi egoismi che distolgono dall’adempimento fedele e obbediente della sua volontà.
Per questo motivo possiamo paragonare la vita cristiana ad una lotta che richiede impegno, allenamento, concentrazione e sacrificio, sapendo però che i nostri sforzi sono sostenuti dalla grazia di Dio e dall’azione potente dello Spirito che abita in noi.

scarica foglietto della domenica

Vangelo della domenica (28-07-2019)

XVII domenica t.o. anno c – LA PREGHIERA, DIALOGO CON DIO

Le letture di questa domenica ci invitano a riflettere sull’importanza della preghiera. Dio non ha bisogno della nostra lode, ma per un dono del suo amore ci chiama a rendergli grazie, i nostri inni di benedizione non accrescono la sua grandezza, ma ci ottengono la grazia che ci salva. Dio dunque non ha bisogno delle nostre preghiere; noi, però, sì. La preghiera ricorda ad ogni uomo – e ancor più ad ogni discepolo – che senza Dio l’uomo non sa dove andare né riesce a capire chi è. Pregare è dunque necessario, perché altrimenti vivremmo nella disperazione assoluta, prigionieri del nostro egoismo.

Continua a leggere

Attualità (14-04-2019)

CREDO LA VITA ETERNA

La nostra vita è monitorata e orientata, nelle sue scelte quotidiane, da ricerche di mercato e sondaggi di opinione. E’ un settore della comunicazione sociale che troppo spesso, più che al benessere delle creature, mira al tornaconto di pochi, secondo piccole categorie umane, mosse da interessi immediati. L’immagine e il tempo storico, dati importanti nella vita dell’uomo, rischiano di diventare il solo parametro dell’esistere.. L’”oltre” che per noi cristiani significa “credere nella vita eterna”, al pari di un’altra parola, “santità”, sembrano suscitare fastidio e rischiano di essere rimosse dalle nostre prospettive esistenziali. Continua a leggere

Vangelo della domenica (10-03-2019)

I domenica di quaresima anno c -SOLO DAVANTI
AL  SIGNORE TI PROSTRERAI

Di fronte al tentatore che gli propone di non fidarsi di Dio ma di allearsi con lui per avere potere, Gesù ribadisce la sua incondizionata obbedienza all’Unico a cui deve adorazione. Egli afferma così la sua libertà rispetto alla logica di questo mondo, che plaude al successo, al possesso, al dominio anche violento. Il Regno di Dio può diffondersi nel mondo solo se non si accettano compromessi con le potenze del male. E di fronte alle tentazioni del mondo non siamo abbandonati a noi stessi e alla nostra fragilità, perché la fedeltà a Dio può diventare la nostra forza.

Continua a leggere

Attualità (6-01-2019)

RIFLESSIONI DOPO UN VIAGGIO IN BRASILE

In questi ultimi decenni ci siamo ubriacati di falsi valori con la conseguenza, dietro un apparente benessere, di peggiorare la vita di tutti: rapporti umani pietosi, la terra malata, l’aria irrespirabile, il cibo avvelenato.
Bisogna capovolgere la logica di questo consumismo, viviamo con la smania di avere sempre di più, convinti che solo appagandola si può stare meglio. In realtà ognuno di noi ha bisogno di pochissime cose. Ognuno di noi ha bisogno di sentire il valore della sua umanità. Pensiamo di aver capito tutto, di non aver bisogno di nessuno. Continua a leggere

Vangelo della domenica (30-09-2018)

domenica XXVI del t.o. anno b -CONTRO LA TENTAZIONE DI                                                                                           MONOPOLIZZARE DIO

La relazione di fede non segue la logica del mondo, e false sono le nostre immagini di Dio quando ci conducono a volerlo assoggettare ai nostri bisogni o desideri. Il credente non può rinchiudere Dio nelle istituzioni e nelle tradizioni entro le quali pur esprime la sua fede. Dio è sommamente libero e la sua volontà non coincide con le nostre pretese, la sua azione di salvezza può arrivare a noi attraverso canali imprevedibili. Il suo Spirito soffia dove vuole e la sua iniziativa trascende ogni istituzione e ogni forma in cui si manifesta la fede stessa: la vera religiosità comporta il lasciare che Dio sia Dio!

Continua a leggere

Vangelo della domenica (29-04-2018)

Quinta domenica di Pasqua – anno b – RIMANERE IN LUI
PER AVERE LA VITA

Continuando il nostro cammino pasquale, la liturgia di oggi ci invita a rimanere:
rimanere come condizione per vivere, portare frutto e crescere nella piena identificazione a Cristo (vangelo);
rimanere per conoscere il Signore ed essere confermati nella propria identità e missione (prima lettura);rimanere per gioire nel nostro presente e camminare con fiducia verso il futuro che Dio ha preparato per noi (seconda lettura).

scarica foglietto della domenica

Vangelo della domenica (1-04-2018)

S. PASQUA DI RISURREZIONE -QUESTO E’ IL GIORNO
DI CRISTO SIGNORE

La risurrezione di Gesù è senza dubbio il fatto centrale della nostra fede. L’irruzione della novità di Dio nella storia umana libera l’umanità dagli angusti confini della morte per aprirla ad orizzonti infiniti. Ma che cosa implica credere nella risurrezione e che cosa significa vivere da risorti?
Le letture di oggi ci aiutano a rispondere a queste domande invitandoci a “guardare”.
Guardare la pietra aperta e il sudario piegato, per credere nella presenza del crocifisso-risorto (vangelo).
Guardare la pietra scartata per vedere Dio agire nella storia, ridonando dignità agli scartati, libertà agli oppressi e pace ai perseguitati (prima lettura).
Guardare “in alto”, dove Cristo è intronizzato alla destra del padre, per imparare a contemplare il quotidiano nella prospettiva della risurrezione (seconda lettura).

Scarica foglietto della domenica