Attualità (22-09-2013)

SEGUIRE LA PAROLA

Dove può recarsi una persona che cerca luoghi nei quali si vive la parola di Dio? Spesso si pensa che questi luoghi siano i monasteri o i santuari, o comunque luoghi lontani da quelli del nostro quotidiano. In realtà il primo luogo è sempre e solo una comunità che prende forma e assume identità proprio dall’ascolto della Parola e dall’impegno a metterla in pratica nella realtà di ogni giorno.
La parola di Dio, però, non costituisce una mèta, un traguardo, ma un sentiero sul quale incamminarsi, seguendo quanti lo hanno già scelto, e, soprattutto, seguendo, da discepoli, il Maestro.
Spesso si va alla ricerca di sicurezze per la nostra fede e le andiamo a cercare in luoghi che ci sembra che rispondano alla nostra ricerca.
La parola di Dio ci dà la sicurezza del cammino, della ricerca e della progressiva scoperta e rivelazione, ma la mèta ultima è sempre più avanti. L’interesse per la parola di Dio non può essere separato dall’interesse per la gente, perché la parola è dialogo, comunicazione, rivelazione che Dio fa di se stesso non tanto a singoli uomini e donne, ma sempre ad una comunità, un popolo.
Nella Bibbia, quando Dio si rivela ad una persona (vedi Abramo, Mosè, e tutti i profeti) lo fa sempre in vista di un ampliamento della rivelazione del suo amore e della sua azione salvifica a tutto il popolo.
Ogni persona a cui Dio fa il dono della sua parola, la accoglie per ritrasmetterla, comunicarla, testimoniarla. E’ questo il ministro (= servizio) che Dio affida ad ogni battezzato. E’ questa l’”anima” di ogni impegno ecclesiale che si realizza nella catechesi, nel servizio ai poveri, nell’animazione delle celebrazioni, ma anche nel rapporto genitori-figli e nelle relazioni tra le comunità cristiane, il territorio e le sue strutture e istituzioni.
Quando non è la parola ad essere messa al centro, si rischia che siano singoli gruppi con i loro interessi umani e le loro tradizioni, o la singola persona con i suoi poteri e legami.
E allora diventa contro testimonianza. E’ la parola di Dio che dà al cristiano e alla comunità dei credenti la libertà da ogni altro tipo di legame e di interesse, che dà soprattutto la sicurezza di non essere usati e strumentalizzati per interessi che non la riguardano.

 

Archivi

Visite

Visite 1.004

Giorni nell'intervallo 28

Media visite giornaliere 36

Da una qualsiasi SERP 3

IP unici 559

Ultimi 30 minuti 0

Oggi 34

Ieri 93