attualità (24-09-2017)

NUOVE RELAZIONI NELLACHIESA

Il problema della comunicazione della fede ai non credenti oggi non riguarda più solo uomini e popoli non ancora raggiunti dalla predicazione cristiana: anche dentro la comunità cristiana, della quale nessun battezzato può essere ritenuto estraneo, fino a che non sia egli stesso a chiedere di essere considerato tale, ci sono persone incerte nella loro adesione alla fede e altre che di fatto hanno abbandonato nella loro pratica di vita ogni riferimento alla fede e alla chiesa.
L’atteggiamento tradizionale della chiesa, ancora persistente in non pochi cristiani, è semplicemente quello della condanna. L’evento dell’abbandono della fede è un dato eminentemente soggettivo: il soggetto ha scelto da sé, liberamente, di abbandonare la comunione della fede, e la chiesa dovrà domandarsi il perché, e interrogarsi sulle sue mancanze e contraddizioni. La comunità non dovrebbe ritenere irrilevante, per la giusta stima che ha anche per il non credente, il fatto che la persona con cui essa si rapporta non gode, o non gode più della ricchezza della fede e della partecipazione alla vita della chiesa. La riproposta della fede e della vita ecclesiale a chi ne è sempre stato estraneo, o se ne è emarginato, resta un serio compito di ciascuno e di tutti i fedeli.
Di conseguenza la chiesa, nella sua veste pubblica, a partire dalle sue celebrazioni liturgiche, dovrà mostrarsi accogliente verso tutti e saper dire parole di rispetto e di proposta esplicita della fede ai molti che, in alcune particolari celebrazioni, come ai matrimoni e ai funerali, si rendono presenti, non per una loro partecipazione personale alla fede che vi si professa e vi si celebra, ma per la relazione che li lega agli sposi o al defunto e alla loro famiglia.
La buona tradizione pastorale delle parrocchie, inoltre, ben conosce infinite iniziative di carattere culturale, sociale e ricreativo, capaci di creare grandi spazi di fraternità che, se vengono offerti non solo ai partecipanti abituali alla vita parrocchiale, ma a tutti, con una particolare attenzione alle persone di altra religione o non credenti, diventano luoghi di comunicazione ampia di molti aspetti della vita con la quale si intreccia l’esperienza della fede e della sua comunicazione a coloro che non la condividono.
Solo il superamento di una tradizione di discriminazione da sostituire con una prassi di fraternità e accoglienza può dare alla chiesa il suo autentico volto, dal quale traspaia il mistero della salvezza portato da Gesù Cristo al mondo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi

Visite

Visite 1.007

Giorni nell'intervallo 28

Media visite giornaliere 36

Da una qualsiasi SERP 1

IP unici 331

Ultimi 30 minuti 0

Oggi 3

Ieri 18