Attualità (4-06-2017)

LO SPIRITO NELLA COMUNITA’ CRISTIANA

Il cuore del racconto della pentecoste è quel linguaggio capace di essere comunicativo per tutti: fascino. mistero, prodigio. Il linguaggio, però, non è solo grammatica. La vita degli apostoli affascina perché è credibile, coerente, l’annuncio coniugato in verbi e sostantivi si incarna nei fatti.
E la comunità cristiana ha credibilità e possibilità di annuncio proprio perché lo Spirito la rende viva e vivificante, e la aiuta a tradurre le parole in gesti autentici. Non va però dimenticato che lo Spirito è forza: vento o fuoco. Ma è forza. Al di là anche delle simbologie.
Per cui quando la comunità cristiana si spegne, o si disorienta, ecco che il soffio dello Spirito accende i santi, quelli che senza creare partiti di opposizione, da dentro, perché amano la chiesa, e la contestano proprio perché le amano, la rinnovano e la rendono giovane.
Il 2 giugno si celebrerà a Bozzano il dono della confermazione a un gruppo di adolescenti. E’ il segno di una chiesa e di una comunità che non si stanca di rinnovarsi, e di questa giovinezza tutti sono chiamati ad aver cura.
E la cura ci è chiesta anche per tutti coloro che in questo tempo di Pasqua, abbiamo accompagnato al fonte per il dono del battesimo. Non va dimenticato che è la comunità intera che, accanto alle famiglie e ai padrini, si fa garante di questa grazia, ed è chiamata ad essere modello di vita per i nuovi figli della chiesa. Anche per questa è bene che lo Spirito soffi, e soffi forte.
Spesso, invece, al soffio innovatore dello Spirito opponiamo le nostre idee o necessità personali.
Non è secondo lo Spirito l’opposizione che talvolta si riscontra nelle comunità contro ogni novità, e la pretesa di vivere la fede nello stesso modo di sempre.
Non è secondo lo Spirito le discussioni che spesso ci troviamo a fare con le famiglie per la scelta dei padrini del battesimo e della cresima. La parentela, l’amicizia e le convenienze umane spesso contano più della testimonianza di fede e della reale capacità di accompagnare il battezzando e il cresimando a crescere nella vita di fede e di testimonianza nella comunità cristiana. In alcune diocesi del meridione d’Italia i vescovi hanno abolito la figura del padrino alla cresima, perché spesso la scelta era determinata da motivi contrari allo spirito del sacramento e al vero ruolo del padrino. Chissà che tale scelta non sia opportuno farla anche da noi, per la cresima, considerato lo scarsissimo impegno che i padrini mettono nel tempo successivo alla celebrazione del sacramento. Un’altra idea potrebbe essere che a scegliere i padrini della cresima non siano le famiglie, ma la comunità.
“Andate e fate discepoli” ha detto Gesù ai discepoli prima di salire al cielo. “Fare discepoli” vuol dire proporre il vangelo, approfondirlo nel contesto della comunità, e metterlo in pratica nelle situazioni reali della vita. I padrini del battesimo, e, ancora di più, quelli della cresima, sono sempre consapevoli di questo compito?

Archivi

Visite

Visite 1.158

Giorni nell'intervallo 28

Media visite giornaliere 41

Da una qualsiasi SERP 0

IP unici 333

Ultimi 30 minuti 2

Oggi 7

Ieri 204