RICORDO DI DON GIUSEPPE BELLIA

Varie

DON GIUSEPPE BELLIA

Dopo una lunga malattia, offerta a Dio con amore e con grande fede, il 12 marzo è volato al cielo don Giuseppe Bellia, della diocesi di Catania, ma che era diventato presbitero e aveva prestato numerosi servizi anche nella nostra diocesi. Era stato inviato a Lucca negli anni ottanta da don Giuseppe Dossetti, dalla Terra Santa, che aveva trovato in lui capacità di fede e di intelligenza e lo aveva affidato al nostro Vescovo, Mons. Giuliano Agresti, perché ne seguisse la vocazione sacerdotale. Era così stato ordinato prima diacono e poi presbitero. Aveva prestato il suo servizio in diverse parrocchie della diocesi di Lucca, tra cui Massarosa, quando era parroco don Primo Chicchi. Poi era stato parroco a Bicchio, a Vicopelago e a Nocchi. Grande appassionato della Parola di Dio, aveva promosso gruppi di ascolto e di confronto, contribuendo notevolmente, anche attraverso il coinvolgimento e l’accompagnamento di altri presbiteri e laici alla diffusione dell’ascolto della parola di Dio.
Era stato, infine chiamato nella sua diocesi di origine, Catania, dove era diventato parroco della parrocchia di Santa Maria della Mercede. Don Giuseppe era anche professore ordinario di Storia delle Religioni e Teologia Biblica presso la Facoltà Teologica di Sicilia a Palermo E’ stato fondatore e direttore della rivista “Il diaconato in Italia”; e’ tornato tante volte anche nella nostra diocesi, a cui era rimasto molto legato per incontri e conferenze ed ha scritto vari libri e articoli.
Vogliamo essere vicini alla famiglia e agli amici che sono nel dolore e lo vogliamo accompagnare con la preghiera verso l’abbraccio amorevole e misericordioso del Signore Gesù.

Molti di noi hanno conosciuto Don Giuseppe Bellia. Te la senti di raccontare a tutti un tuo ricordo di lui? Altri non hanno avuto la fortuna di incontrarlo: magari potresti raccontarci, se vuoi, di colui che ti ha fatto amare di più la Bibbia

5 thoughts on “RICORDO DI DON GIUSEPPE BELLIA

  1. È stata una figura chiave per la mia crescita non solo religiosa, ma anche civile e politica. Gli devo molto e non lo dimenticherò.
    Riposi in pace.

  2. Ci ha fatto molto piacere leggere questo ricordo di D. Giuseppe sul sito della parrocchia e lo abbiamo condiviso con i suoi parenti di Catania. Per noi Giuseppe era un “fratello” di elezione, uno straordinario “masticatore” di tutta la Bibbia e soprattutto è stato un innamorato della Parola di Dio che ha continuato a proclamare e commentare dal suo letto di ospedale , fino alla morte.In tempi migliori con tutti i sacerdoti e gli amici che lo hanno conosciuto cercheremo di ricordarlo pubblicamente come merita.

  3. Ho conosciuto don Giuseppe alla facoltà Teologica di Palermo… era mio professore. La sua passione per la Parola di Dio mi ha permesso di incontrare Cristo e di farlo conoscere ai miei allievi cercando di mettere la sua stessa passione. Ho seguito i suoi incontri a Catania nelle settimane bibliche che per me erano una boccata di aria fresca. Il Signore ha voluto con sé un grande sacerdote, maestro ma soprattutto una bella persona. Mi associo al dolore della famiglia. RIP don Giuseppe

  4. Ho conosciuto Padre Bellia quando studiavo Teologia Biblica, a Palermo. Teneva allo sviluppo della capacità critica degli studenti. Ho sostenuto con lui il mio primo esame della Licenza. Ricordo e serbo nel cuore con gioia e fierezza le parole ed il gesto di benedizione che terminarono quell’esame. Che grazia averlo conosciuto!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *