Vangelo della domenica (1-10-2017)

domeniva XXVI del t.o. anno a – CHI SI CONVERTE VIVRA’

Il tema della Parola di questa domenica può essere individuato nel fatto che agli occhi di Dio nessuno è emarginato: la parabola dei due figli, che assumono comportamenti diversi nei confronti del Padre, sembra giustificare l’orientamento che Gesù ha seguito nella sua vita nei riguardi dei socialmente disprezzati. A coloro che si scandalizzano per la sua predilezione per i peccatori egli ribadisce che questi sono i prediletti del Padre, più che i benpensanti convinti di essere nel giusto: Il sentimento di autosufficienza è, anche nella nostra cultura, quello che più tiene lontani dalla fede, e più chiude gli animi nel proprio egoismo. Perciò la Parola invita alla conversione, per dare nuovo orientamento alla vita.


Il messaggio della prima lettura è chiaro. Convertirsi al Signore è vivere! La parola di Dio non ha come scopo il castigo, ma di ottenere un cambiamento nella condotta. Ezechiele è il profeta della responsabilità individuale: ciò che conta davanti a Dio è il cuore di ogni singola persona.
In questa direzione il vangelo pone l’interrogativo: che cosa significa fare la volontà di Dio? La parabola dei due figli che rispondono in modo diverso all’invito del padre non vuole porre sull’altare i peccatori e disprezzare chi vive una religiosità secondo tradizione. Vuole invece evidenziare che fare la volontà di Dio non è questione solo di parole, ma esige il coraggio di sporcarsi le mani.
Allo stesso modo, nella seconda lettura, l’obbedienza a Cristo è per Paolo fondamento della vita cristiana. Ma, affinché essa sia autentica, egli esorta i cristiani all’umiltà, in contrapposizione agli atteggiamenti egoistici che distruggono la vita comunitaria. L’umiltà del cristiano ha come esempio quella di Cristo.

scarica foglietto della domenica

Archivi

Visite

Visite 1.381

Giorni nell'intervallo 28

Media visite giornaliere 49

Da una qualsiasi SERP 0

IP unici 532

Ultimi 30 minuti 0

Oggi 36

Ieri 31