Vangelo della domenica (11-02-2018)

domenica VI del t.o. anno b -SONO VENUTO A SALVARE I PECCATORI

Anche la liturgia di questa domenica, come la precedente, intende far prendere coscienza della potenza salvifica presente in Gesù, nella sua parola e nella sua azione liberatrice dal male. Il richiamo alla lebbra, nella prima lettura e nel vangelo, diventa anche per noi linguaggio simbolico che ci parla del male onnipresente, in noi e attorno a noi. E ci parla in positivo della possibilità di trovare liberazione attraverso l’incontro con Gesù, che si è fatto carico delle nostre sofferenze per poter manifestare in esse l’amore e la grazia trasfigurante del Padre.


Nel vangelo il lebbroso, incontrato e “toccato” da Gesù nel suo corpo sfigurato dalla malattia, è chiaramente simbolo dell’uomo sfigurato dal peccato. E perciò la sua guarigione è segno della compassione di Dio che Gesù rivela come sua missione verso l’umanità sofferente.
Gesù dunque offre la speranza che contrasta il pessimismo della prima lettura, dove è descritta in termini duri la condizione dei malati di lebbra nell’antichità: essa rendeva il malato persona “impura”, poiché devastandolo nella sua integrità e vitalità fisica diventava segno di un male interiore che lo escludeva dalla comunità.
In certo qual modo possiamo connettere a questo tema anche l’ammonimento di Paolo, nella seconda lettura, contro gli “scandali” che creano divisione nella comunità della chiesa. L’alternativa che può impedire comportamenti escludenti è per lui il “farsi imitatori” di Cristo.

scarica foglietto della domenica

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Archivi

Categorie

Visite

Visite 4.385

Giorni nell'intervallo 28

Media visite giornaliere 157

Da una qualsiasi SERP 3

IP unici 702

Ultimi 30 minuti 2

Oggi 80

Ieri 105