Vangelo della domenica (14-10-2018)

domenica XXVIII del t.o. anno b -LA DISPONIBILITA’, UNA PROSPETTIVA NUOVA

Di fronte alla tentazione, così presente nella nostra cultura consumistica, di fare della ricchezza l’unico obiettivo dell’esistenza il vangelo di Gesù indica la via stretta della moderazione, la quale può insegnare l’apertura del cuore e la disponibilità a renderci sensibili alle necessità di chi sta nel bisogno. Infatti, non la ricchezza (il denaro) in sé è cattiva, ma l’uso distorto ed egoistico che se ne può fare. Disponibilità allora significa imparare la prospettiva sapienziale per cui “tutto l’oro al suo confronto è un po’ di sabbia”, imparare che gli idoli (di qualsiasi forma) allontanano dal regno di Dio.
Il vangelo pone anche a noi la domanda più fondamentale: che cosa fare per avere la vita eterna? Gesù risponde proponendo la scelta del distacco del cuore da tutto ciò che può creare schiavitù. La reazione dell’anonimo che poneva tale domanda a Gesù mostra quale ostacolo possa essere l’attaccamento alla ricchezza per la scelta di seguire Gesù.


La prima lettura orienta nella medesima direzione: esorta a chiedere a Dio una sapienza che non si fonda sulle cose terrene, ma che solo lui può donarci. Questa sapienza può renderci interiormente liberi e disponibili.
Una sapienza che la seconda lettura concretizza nella parola di Dio “viva efficace e più tagliente di ogni spada”, l’unica che può aiutare il credente a discernere con verità i sentimenti e i pensieri del suo cuore.

scarica foglietto della domenica

Archivi

Visite

Visite 1.381

Giorni nell'intervallo 28

Media visite giornaliere 49

Da una qualsiasi SERP 0

IP unici 532

Ultimi 30 minuti 0

Oggi 36

Ieri 31