Vangelo della domenica (15-12-2013)

3a DOMENICA DI AVVENTO
RALLEGRATEVI: LA LIBERAZIONE E’ VICINA

Annunciato dai profeti come nuovo esodo, il ritorno dall’esilio è visto come un atto della potenza e dell’amore di Dio per il suo popolo rappresentato da un “piccolo resto” di deportati. L’annuncio, però, si proietta oltre il tempo in cui è pronunciato. Cristo che viene è colui che guida l’umanità smarrita, sfiduciata e stanca, nel ritorno a Dio, egli è il capo dei credenti, sulla strada santa dell’obbedienza e della fedeltà, perché questa liberazione esige tempo e fatica. Ecco perché l’apostolo Giacomo ci invita alla pazienza, che non è rassegnazione,, ma frutto dell’amore, della volontà di aiutare l’altro in tutti i modi a liberarsi da ciò che lo opprime e lo aliena.
Il regno di Dio si costruisce lentamente, anche se i profeti lo vedono e lo annunciano come prossimo. E quando, come per Giovanni Battista (vangelo), viene un momento di scoraggiamento, di oscurità e di sospetto: (”Sei tu colui che deve venire, o dobbiamo attenderne un altro?”), il rimando alla parola di Dio e ai segni che accompagnano la sua presenza efficace basta a restituire fiducia al processo di liberazione dell’uomo dalle sue schiavitù e dai condizionamenti interni ed esterni, rischia di essere fatto perdendo di vista la speranza ultima, tanto sono urgenti i compiti di rivoluzionare le strutture disumanizzanti (Giovanni Paolo II le chiamava “strutture di peccato”), di coscientizzare gli uomini e di restituirli alla dignità e all’autonomia di persone.
L’ignavia e l’egoismo dei cristiani oscura e mortifica l’annuncio della liberazione di Gesù, i cui segni sono, oggi, l’impegno verso i poveri, gli emarginati, le minoranze; la difesa dei diritti della coscienza, il condividere realmente la sorte di chi non ha speranza…
Non c’è evangelizzazione che non porti ad una liberazione. Il gioioso annuncio del Cristo liberatore diventa credibile se i suoi messaggeri sanno pagare di persona ed essere testimoni della gioia.
La buona novella della salvezza è un messaggio di gioia e di liberazione.
Papa Francesco, nella sua recente esortazione “Evangelii Gaudium” (=“La gioia del Vangelo”), insiste molto su questo compito, affidato ai cristiani e alla chiesa e suggerisce modi e momenti concreti in cui possono esercitarlo.

Scarica foglietto della domenicaica

Archivi

Visite

Visite 1.072

Giorni nell'intervallo 28

Media visite giornaliere 38

Da una qualsiasi SERP 1

IP unici 459

Ultimi 30 minuti 0

Oggi 97

Ieri 92