Vangelo della domenica (2-09-2018)

domenica XXII del t.o. anno b – METTERE IN PRATICA LA PAROLA

La scelta di credere comporta una inevitabile tensione tra una fedeltà superficiale ed esteriore a tradizioni fissate dagli uomini e adesione profonda e responsabile alla persona di Gesù e alla sua parola. Questo dilemma pone ogni credente, nel proprio tempo e nel proprio ambiente di vita, in un perenne conflitto tra il “conservare” e il “cambiare” stili e modalità di vivere la fede. Per questo la fedeltà al vangelo di Dio richiede una conversione continua e capacità di andare oltre la sicurezza trovata nel formalismo religioso.


Di fronte alle “tradizioni” nelle quali si può concretizzare, nei diversi tempi e ambienti, la fedeltà al Signore, è sempre il vangelo che aiuta a discernere il vero loro valore. Gesù ci indica oggi un criterio determinante: le tradizioni non devono diventare vuoti formalismi, o addirittura prendere il posto di Dio, ma piuttosto essere un aiuto a conoscere e a fare la sua volontà.
Così insegna anche la prima lettura: accettare la presenza di Dio nella propria vita significa anche assumere uno stile di vita differente da quello di coloro che seguono lo stile di questo mondo. Fede autentica è vivere il presente nella fedeltà alla sua parola.
Nella seconda lettura, inoltre, il messaggio è chiaro: la religione autentica sta nella docilità ad accogliere la parola di Dio con l’amore fatto storia.

scarica foglietto della domenica

Archivi

Visite

Visite 1.028

Giorni nell'intervallo 28

Media visite giornaliere 37

Da una qualsiasi SERP 4

IP unici 582

Ultimi 30 minuti 1

Oggi 33

Ieri 27