Vangelo della domenica (2-10-2016)

Domenica XXVII del to anno C -LA POTENZA DELLA FEDE

“La fede è virtù, atteggiamento abituale dell’anima, inclinazione permanente a giudicare e ad agire secondo il pendom-x-xvii-to-anno-csiero di Cristo con spontaneità e vigore” (Rinnovamento Della catechesi, n. 52). Intesa come dono di Dio, la fede è anche principio di conoscenza, una guida a leggere la realtà dal punto di vista di Dio. Perciò il cristiano trova nella sua adesione di fede a Gesù il Cristo la forza per discernere ciò che è bene e ciò che è male, la forza per una critica costruttiva nei confronti di qualsiasi ideologia, la forza per liberarsi da ogni forma di idolatria. In questo senso ci conferma la prima lettera di Giovanni: “Questa è la vittoria che ha sconfitto il mondo, la nostra fede” (1Giov 5,4).

Riscoprirci ogni giorno servi inutili, secondo l’esortazione del vangelo di oggi, è la condizione per vivere autenticamene la propria fede, riconoscendo che la salvezza non è una nostra conquista, ma solo grazia di Dio. La fede vera richiede dunque l’umiltà del cuore, la rinuncia all’orgoglio dell’autosufficienza, un rischio con cui i cristiani devono oggi sempre fare i conti.
Credere è affidarsi a Dio. Lo vediamo nella prima lettura: Dio sembra assente dalla storia, soprattutto quando ci troviamo di fronte al dilagare dell’oppressione e dell’ingiustizia. E tuttavia per il credente è proprio la sua fiducia in Dio che può diventare via e criterio per comprendere l’enigma della storia umana.
Nel combattimento della fede, così ascoltiamo nella seconda lettura, non siamo soli: Dio non ci ha dato uno spirito di timidezza, ma di forza, di amore e di saggezza. Occorre perciò ravvivare sempre il dono di Dio che è in noi.

scarica foglietto della domenica

Archivi

Categorie

Visite

Visite 2.823

Giorni nell'intervallo 28

Media visite giornaliere 101

Da una qualsiasi SERP 12

IP unici 396

Ultimi 30 minuti 11

Oggi 72

Ieri 81