Vangelo della domenica (23-12-2018)

IV domenica di Avvento anno c -IL FRUTTO DELLA BENEDIZIONE

La presenza dello Spirito di Dio in Elisabetta apre all’accoglienza della novità, il grido con cui accoglie Maria, “benedetta tra le donne”, è riconoscimento della presenza attiva di Dio nella storia umana. Solo la fede è capace di leggere negli eventi della storia le “meravigliose opere di Dio”, con le quali egli continua ad operare la sua salvezza in mezzo a noi. L’incredulità rende ciechi e indifferenti, ma chiude anche il cuore alla benedizione divina.


Il vangelo ci presenta due madri: Elisabetta e Maria. Il figlio che entrambe portano in grembo è per loro segno della presenza e dell’agire di Dio nella loro vita. Esse sono esempi perenni: la salvezza di Dio è offerta anche oggi. basta aprire il cuore ad accoglierla.
Nella prima lettura il profeta, un personaggio di umili origini, annuncia pace e prosperità da parte di Dio. Così Dio agisce sempre per gli uomini: la sua predilezione è per ciò che si presenta debole e insignificante.
Nella seconda lettura Gesù è riconosciuto come mediatore del piano misterioso di Dio verso di noi. In lui Dio salva la nostra fragile umanità.

scarica foglietto della domenica

Archivi

Visite

Visite 1.012

Giorni nell'intervallo 28

Media visite giornaliere 36

Da una qualsiasi SERP 4

IP unici 441

Ultimi 30 minuti 6

Oggi 11

Ieri 43