Vangelo della domenica (24-12-2017)

4a domenica di Avvento anno b -IL SIGNORE E’ FEDELE PER SEMPRE

Il messaggio della liturgia di oggi è questo: Dio vuole porre la sua dimora in mezzo agli uomini. La vera casa di Dio è dunque l’umanità, in quanto egli si rivela signore della storia e salvatore. Gesù sarà il volto di questa volontà e di questo progetto di salvezza. E’ una questione di alleanza e di fedeltà: le pietre vive della dimora di Dio sono coloro che accettano la sua alleanza e rimangono a lui fedeli, coloro che dicono sì al suo progetto e accettano di farsene collaboratori. Il mistero nascosto per secoli è ora rivelato da Gesù: fare dell’umanità il tempio di Dio ,la dimora della sua presenza e della sua misericordia.

Il vangelo indica in Maria e Giuseppe le prime pietre vive della casa di Dio fra gli uomini: con il loro sì incondizionato danno inizio ad una storia nuova dell’umanità, la storia di una collaborazione tra Dio e l’uomo, una storia di salvezza che Gesù porterà a pienezza.
Il richiamo dell’iniziativa di Dio nella prima lettura elimina ogni forma di pretesa di autosalvazione da parte dell’uomo: a Davide che vuole edificare un tempio per dare a Dio un centro visibile e materiale di culto, e che si presenta come protagonista, Dio stesso ricorda che è lui il vero costruttore.
Alla domanda di quale sia lo scopo dell’agire di Dio nella storia degli uomini risponde la seconda lettura: nella persona e nella vita di Gesù Cristo si rivela il piano misterioso di Dio, la volontà di raccogliere gli uomini in un’unica famiglia.

scarica foglietto della domenica

Archivi

Visite

Visite 1.776

Giorni nell'intervallo 28

Media visite giornaliere 63

Da una qualsiasi SERP 8

IP unici 600

Ultimi 30 minuti 0

Oggi 3

Ieri 37