Vangelo della domenica (25-10-2015)

IL CAMMINO DELLA FEDE

DOM XXX del to anno bLa descrizione profetica del ritorno gioioso degli esuli in patria (prima lettura) è letta dalla liturgia in chiave evangelica. E’ Gesù Cristo che chiama tutti, anche i deboli, gli zoppi, i ciechi al grande ritorno e li colma di consolazione e di gioia.
E’ il cammino della conversione alla quale siamo chiamati anche noi. Essa è un ritorno, si tratta di fare a ritroso il cammino percorso nell’allontanarci da Dio. E’ la liberazione da una schiavitù umiliante, la riscoperta di una gioia prima dimenticata: quella di sentirci circondati dalle braccia amorose del Padre che ci accoglie nel suo amore. E’ il tema della misericordia che caratterizzerà il Giubileo che inizierà l’8 dicembre, cioè della gratuita e preveniente iniziativa di Dio, mentre il vangelo sottolinea la partecipazione e la risposta attiva dell’uomo, proponendo la guarigione del cieco nel quadro di un rituale catecumenale.


L’iniziazione della fede incomincia con una manifestazione di Gesù nella vita dell’uomo. Ma questa manifestazione è misteriosa: il cieco che rappresenta l’uomo sulla via della fede, non vede Gesù: intuisce solo la sua presenza negli avvenimenti, ma esprime già la sua fede rimettendosi alla iniziativa salvifica di Dio. Questa apertura a Dio è contestata dal mondo che lo circonda ed è necessario tutto il coraggio per mantenere il proposito di apertura all’uomo-Dio.
Seguire la chiamata di Dio vuol dire lasciare qualcosa dietro di sé (il mantello) e andare verso l’ignoto (come Abramo), rinnegare la logica delle sicurezze umane per affidarsi totalmente al Dio delle promesse.
Questo diventa più difficile oggi. In un mondo come il nostro non c’è più posto per una fede anonima, formalistica, ereditaria. E’ necessaria una fede fondata sull’approfondimento della parola di Dio, sulla scelta e sulle convinzioni personali. Una fede consapevolmente abbracciata e non passivamente ricevuta in eredità. Tutto questo comporta un nuovo modo di impostare l’attività della chiesa e delle parrocchie: dare maggior rilievo alla evangelizzazione e un modo diverso di celebrare i sacramenti.

Scarica foglietto della domenica

Archivi

Visite

Visite 1.188

Giorni nell'intervallo 28

Media visite giornaliere 42

Da una qualsiasi SERP 1

IP unici 356

Ultimi 30 minuti 0

Oggi 17

Ieri 20