Vangelo della domenica (26-02-2017)

XXVIII domenica del t.o. anno a – SERVIRE DIO O IL DENARO?

La metafora del “servire a due padroni”, che per il vangelo di oggi è presentato come qualcosa di impossibile, rappresenta un invito a riflettere su chi o su che cosa noi poniamo la nostra fiducia.
Il termine aramaico “mammona” deriva dalla stessa radice della parola “amen”, con la quale ancora oggi esprimiamo, nella preghiera, la nostra adesione e fiducia in Dio.
Dunque di chi ci fidiamo? A chi ci affidiamo? E’ qui in gioco la nostra libertà interiore. Per un discepolo di Cristo il primato di Dio nella vita è l’essenza della fede, esprime la scelta di riconoscere la sua signoria e crea le condizioni per un agire capace di trasformare se stessi e la società nella direzione indicata da Gesù.
Il vangelo presenta l’immagine di Dio come Padre provvidente: egli si prende cura di noi, ci segue amorevolmente, ci rende liberi da ansie e preoccupazioni angoscianti. Così, l’affidarsi a lui è la stessa strada per non sentirsi come orfani abbandonati a noi stessi, bensì come figli amati e protetti.
La prima lettura prepara l’annuncio del vangelo: essa ci fa ascoltare il lamento di Sion, che teme di essere dimenticata dal Signore, ma al tempo stesso la dichiarazione rassicurante di Dio alla città amata. L’idea centrale è questa: la fedeltà di Dio è il cardine della storia di salvezza di Dio con l’umanità.
Nella seconda lettura Paolo richiama i cristiani alla fedeltà a Cristo, come base per una corretta comprensione dell’evangelizzazione e del ministero all’interno della comunità. Le indicazioni dell’apostolo possono essere un valido aiuto anche per l’esperienza ecclesiale d’oggi.

scarica foglietto della domenicara

Archivi

Visite

Visite 1.007

Giorni nell'intervallo 28

Media visite giornaliere 36

Da una qualsiasi SERP 0

IP unici 409

Ultimi 30 minuti 0

Oggi 4

Ieri 11