Vangelo della domenica (27-08-2017)

domenica XXI del t.o. anno a – CREDERE IN TE

Gesù non corrisponde necessariamente alle aspettative di tutti e, di fatto, nella storia a lui successiva, le opinioni su di lui si sono moltiplicate. Alcuni guardano a lui con ammirazione per il messaggio predicato o per le opere compiute, altri invece nutrono sospetti nei suoi riguardi; alcuni lo seguono per interesse, altri lo abbandonano
delusi; alcuni sono entusiasti, altri sconcertati. La storia degli effetti si ripete anche oggi: Gesù continua ad essere il punto di discrimine tra fede e incredulità. Attuale è anche per noi la domanda che interpella in modo personale: “E voi, chi dite che io sia?”.


La professione di fede da parte di Pietro, che il vangelo di oggi riporta, può guidare la nostra risposta: Pietro fa un atto di fiducia e di affidamento; “Signore, da chi andremo? Tu hai parole di vita eterna”. Questa professione di fede è infatti il presupposto della stessa sequela cristiana.
Una tale risposta di fede richiede però la rinuncia all’orgoglio e all’autosufficienza. E’ ciò che nella prima lettura viene descritto nell’anticipo profetico della simbologia delle chiavi, e quindi del “potere” salvante di Cristo nei riguardi dell’umanità, potere che viene affidato a Pietro come seguito della sua risposta.
L’inno della seconda lettura è una lode alla sapienza di Dio, alla insondabilità del suo piano. Quanto sono inaccessibili le tue vie! Il credente può porsi davanti al mistero di Cristo solo in preghiera.

scarica foglietto della domenica

Archivi

Visite

Visite 992

Giorni nell'intervallo 28

Media visite giornaliere 35

Da una qualsiasi SERP 4

IP unici 456

Ultimi 30 minuti 0

Oggi 6

Ieri 76