Vangelo della domenica (4-10-2015)

XXVII domenica del tempo ordinario
“L’UOMO NON DIVIDA QUELLO CHE DIO HA CONGIUNTO”

dom XXVII del to ANNO BIl tema di questa domenica è l’incontro tra l’uomo e la donna secondo il disegno di Dio. La controversia sul divorzio che mette Gesù di fronte ai farisei (vangelo) è preparata dal racconto della creazione dell’uomo e della donna della Genesi (prima lettura). L’episodio di Gesù e i bambini (vangelo) sottolinea l’esigenza, per i discepoli di Gesù, di accogliere il regno di Dio e di accogliere i più piccoli. La seconda lettura, che da oggi per alcune domeniche sarà tratta dalla Lettera agli Ebrei, mostra il Cristo, che, diventato uomo, si umilia sino alla sofferenza, si fa come uno di noi e nostro fratello. La solidarietà di Dio nei nostri confronti si attua nell’incarnazione e nella morte in croce del suo Figlio.


“Accogliersi” potrebbe essere la parola che unisce le tre letture. Accogliersi perché bisognosi di comunione. L’accoglienza non è solo una virtù, ma, prima ancora, un’esigenza profonda del cuore umano. L’accoglienza è specchio della misericordia di Dio, che si è fatto condiscendenza e condivisione con e per l’umanità. La legge divina non è altro che il perfezionamento della legge naturale scritta nel cuore dell’uomo.
La parola di Dio mostra in termini idilliaci il disegno originario di Dio, ma coglie anche tutta la fatica e la problematicità umana. La vocazione all’unità è bella e attraente, ma allo stesso tempo ardua e difficile. Il Signore invita a guardare con misericordia la fatica e gli insuccessi dell’uomo.

Scarica foglietto della domenica

Archivi

Visite

Visite 1.169

Giorni nell'intervallo 28

Media visite giornaliere 42

Da una qualsiasi SERP 1

IP unici 342

Ultimi 30 minuti 0

Oggi 0

Ieri 31